Tutoraggio: come preparare l'intervista con l'insegnante-tutor

Durante il corso devi mantenere un occasionale tutoraggio o colloquio con l'insegnante-tutor di nostro figlio Quando il bambino è piccolo, un singolo insegnante ha una visione complessiva sufficiente; ma quando il bambino è più grande, il lavoro di insegnante-tutor o insegnante in carica È fondamentale perché consiste nel coordinare il compito di tutti gli insegnanti coinvolti nell'educazione del figlio o della figlia.

La periodicità di interviste con l'insegnante-tutor Varia molto a seconda di ogni famiglia. In ogni caso, un criterio approssimativo potrebbe essere visto all'inizio e alla fine del corso e un paio di volte nell'intervallo. Non è necessario che nessun soggetto preoccupante organizzi un'intervista con l'insegnante-tutor. Inoltre, quando tutto va bene, è il momento ideale per parlare di come rafforzare i punti di forza, i passi da compiere per raggiungere il progetto educativo, ecc.


A meno che alcuni problemi siano particolarmente gravi, nel qual caso il tutoraggio o l'intervista saranno monografici, è opportuno affrontare una vasta gamma di argomenti: i soggetti, se necessario uno per uno; gli obiettivi del personaggio, relazione con colleghi e amici; sviluppo delle virtù come l'ordine, la sincerità, l'operosità, la generosità, ecc. Normalmente, dovrebbero essere i genitori che prenderanno l'iniziativa per organizzarlo, assistendo entrambi i coniugi. Tutte le questioni relative all'educazione dei bambini interessano entrambi.

Come preparare l'intervista con l'insegnante-tutor

È fondamentale quello l'intervista è preparata da entrambe le parti e che c'è una linea di continuità tra tutte le interviste. Per fare ciò, è possibile prendere appunti (sia prima che dopo l'intervista), anche se ciò dipenderà dal numero di argomenti trattati, dagli impegni acquisiti e dalla memoria di ciascuno.


Da parte del insegnante-tutor è elementare che parla prima con altri insegnanti per contrastare le opinioni. Dovresti anche controllare gli ultimi voti, memorizzare il nome di madre e padre, pensare alle domande che vuoi chiedere a entrambi, nei piani di azione che vuoi suggerire, ecc. Quando la conoscenza dello studente o dello studente è molto alta, potrebbe non essere necessario prendere appunti; altrimenti, sarà molto conveniente.

Da parte dei genitori deve esserci anche una preparazione preliminare dei tutorial. Non dovresti andare al colloquio con l'atteggiamento passivo di "guarda cosa mi dicono". Marito e moglie dovrebbero riflettere insieme su possibili questioni da affrontare, in quali settori chiedere consigli, in contrasto con il tutor se la percezione della scuola e della famiglia coincidono e, se non, in che cosa e perché non sono d'accordo. Non è raro che il comportamento differisca tra casa e scuola o che nel trattare con un insegnante si scopre che le versioni di un bambino sono diverse.


La chiave del tutoraggio: le risposte dell'insegnante-tutor

quando i genitori sono interessati ad alcuni dati specifici, vale la pena informare preventivamente l'insegnante-tutor in modo che lui / lei possa ottenere le informazioni necessarie e preparare il colloquio. Se i genitori hanno visto che il tutor risponde con frasi generiche, ambigue o luoghi comuni, potrebbe essere opportuno chiedergli di ottenere le informazioni e informarci in dettaglio nella seguente conversazione. Se questo viene fatto in modo abituale, dovrebbe essere richiesto, se possibile, il cambio di tutor o per richiedere interviste con quegli insegnanti del bambino che sono in grado di rispondere.

Per la stessa ragione per cui alcuni insegnanti sono educatori migliori di altri, ci sono anche alcuni genitori che sono più obiettivi di altri. Non è raro che l'affetto accechi un padre o una madre e non ammetta di essere limitato dal figlio o dalla figlia. In questi casi, il lavoro di tutoraggio diventa difficile e il clima in cui si svolge l'intervista non ha l'armonia richiesta dall'azione educativa.

Concentrare l'intervista concentrandosi principalmente sulle carenze dell'altra parte è un approccio sbagliato. Qualsiasi scuola o famiglia può essere trovata con molti difetti o imperfezioni.

Un tutoraggio con prospettiva

È necessaria una certa prospettiva, positiva e negativa, per percepire col tempo quelli che vengono delineati come punti di forza o di debolezza della personalità di uno studente o di un figlio o di una figlia. Le cose non accadono all'improvviso, né sono imprevedibili. Negli ultimi anni della scuola primaria è già possibile prevedere come è prevista l'adolescenza. Può valere la pena vedere come gli studenti più grandi della scuola devono indovinare come sarà il tuo figlio maggiore o, almeno, come saranno i loro compagni di classe.

Secondo i periodi delicati, è necessario costruire in modo tale che alla fine di quei periodi di calma nell'evoluzione psicologica, il figlio o la figlia si ritrovi con le difese preparate per entrare in fasi di maggiore conflitto. Senza inutili allarmismi devi sapere come dare importanza ai piccoli dettagli che in seguito potranno essere seri.Un ragazzo o una ragazza che beve tre bibite ad una festa di compleanno, quando ha qualche anno in più, è probabile che faccia lo stesso, ma con le bevande alcoliche.

Senso positivo dell'intervista con l'insegnante-tutor

Coloro che considerano solo di intervenire quando vedono difficoltà, che non hanno un senso positivo nell'educazione, possono costare quell'atteggiamento costruttivo di coloro che credono in un progetto. Nell'educazione, non si tratta tanto di evitare difetti quanto di acquisire virtù.

Argomenti da trattare nel tutoraggio: l'intervista con l'insegnante-tutor

Specificando alcuni dettagli, possiamo pensare, come genitori, quali cinque punti possono essere affrontati nella prossima intervista. Questi sono alcuni:

- Punto forte e debole del figlio o della figlia.
- Chiedi all'insegnante-tutor di valutare da 0 a 10 il loro spirito di lavoro, compagnia e ordine.
- Analizza se il ragionamento o il ricordo predominano nel tuo studio.
- Pensa ad alcuni aspetti del personaggio che dovrebbero essere rinforzati.
- Specifica alcuni dettagli del servizio in famiglia o con gli amici.
- Contrasto l'opinione con l'insegnante-tutor sul grado di fiducia del bambino con te.
- Relazione con i colleghi e trattare con gli amici.
- Formazione culturale. Letture e film.
- Preoccupazioni per aiutare i più bisognosi.

José Manuel Mañu Direttore della scuola Gaztelueta

Video: intervista doppia tutor/studente: Graziella e Nicoletta


Articoli Interessanti

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

A volte la relazione con gli altri non è molto fluida; inoltre, a volte l'uomo è veramente un lupo per l'uomo, come diceva il filosofo. Eppure, siamo chiamati alla felicità e all'armonia. Cosa...

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

I bambini di 4 e 6 anni che non mangiano bene, chiamati anche "cattivi mangiatori", hanno un livello di assistenza inferiore a quelli che mangiano sano, secondo uno studio realizzato con la...

I pericoli dell'inattività fisica

I pericoli dell'inattività fisica

È noto per tutti i benefici offerti da una vita attiva a un ritmo più rapido sedentario. Il primo di essi garantisce una buona salute mentre il secondo aumenta le probabilità di soffrire di obesità,...