Come riconoscere la dipendenza dai videogiochi secondo l'OMS?

Dal 2018 il Organizzazione mondiale della sanitàCHI dichiarerà il disturbo causato dalla dipendenza da videogiochi come una nuova malattia mentale. Tuttavia, come espresso da questo organismo, è necessario distinguere tra uso abituale, occupazione abusiva e dipendenza. Come riconoscere se un bambino mostra sintomi di questa dipendenza?

Su questo ha anche parlato il OMS in una delle sue pubblicazioni in cui parla di dipendenza videogiochi come malattia mentale. Alcuni sintomi che dovrebbero allertare i genitori e lavorare per ridurre l'esposizione dei loro figli a questa forma di intrattenimento elettronico.


I sintomi della dipendenza da videogiochi

Il disordine del videogioco è definito nella bozza di 11a revisione della classificazione International Disease, come modello comportamentale caratterizzato da un controllo limitato sui giochi, dando priorità crescente a questo tempo libero rispetto ad altre attività. Cioè, la persona fa prevalere i giochi su altri interessi e pratiche quotidiane, anche conoscendo le loro conseguenze negative.

Per diagnosticare il disturbo del videogioco, il modello di comportamento deve essere sufficientemente severo e persistente in tempo per produrre un significativo deterioramento in ambito personale, familiare, sociale, educativo, professionale o di altro tipo e di solito ha mostrato segni di dipendenza abbastanza evidenti per almeno 12 mesi.


Da questa definizione, è possibile estrarre quanto segue sintomi del disturbo dell'azione ai videojuegos:

- Mancanza di controllo sul gioco. La persona non è in grado di controllare il proprio comportamento con il videogioco e non può mettere limiti al tempo investito in queste attività o nei tempi che compiono durante il giorno o la settimana.

- Priorità assoluta rispetto ai videogiochi. I videogiochi sono al di sopra di altri interessi vitali e routine quotidiane come lavori domestici o pratiche sportive.

- Ignora le conseguenze negative. La persona, pur conoscendo le ripercussioni o le conseguenze che potrebbero avere sulla sua vita, continuerà a giocare.

Trattamento della dipendenza da videogiochi

Come con tutte le altre tecnologie, la dipendenza dai videogiochi richiede un trattamento individuale. Dall'università internazionale di Valencia, un trattamento basato su 4 fasi essere in grado di risolvere questa dipendenza negli individui che richiedono attenzione:


- Fase 1: ricerca di motivazione.
La persona colpita dalla dipendenza deve essere consapevole del fatto che ha un problema e che deve risolverlo. A quel tempo deciderà di cercare aiuto e andare da un medico per analizzare il caso. Quando la persona dipendente fa questo passo, il supporto del suo partner, degli amici e della famiglia è essenziale.

- Fase 2: disintossicazione
In questa fase hai bisogno di tutto il supporto dei tuoi parenti e in alcuni casi di un aiuto da specialisti in modo che la persona sia consapevole della dipendenza che soffre e vede le conseguenze che il suo comportamento sta causando nella sua vita e nel suo ambiente.

- Fase 3: Disintossicazione
Lasciare la dipendenza da Internet o dai dispositivi mobili richiede forza di volontà e pazienza, oltre al supporto. A poco a poco, il bambino recupererà la sua vita abituale e imparerà a controllare il suo uso della tecnologia.

- Fase 4: riabilitazione.
Durante questa fase l'individuo recupera le abilità che aveva prima di iniziare la sua dipendenza. Vale a dire che inizierà a relazionarsi in modo sano e naturale con il suo ambiente, a condividere il tempo con la sua famiglia, ad avere sane abitudini ea rispettare le sue ore di sonno.

Damián Montero

Video: Slot Machine: come mai restiamo incollati?


Articoli Interessanti

5 trucchi per rendere il tuo trucco più a lungo

5 trucchi per rendere il tuo trucco più a lungo

Oggi ci sono diversi tipi di basi per il trucco sul mercato. Compatto, liquido, crema, stick ... e promettono tutti la stessa cosa: lunga durata. E se nessuno di loro mentisse? Che cosa succede se il...

Cibo solido per il bambino: mai prima di 6 mesi

Cibo solido per il bambino: mai prima di 6 mesi

Le associazioni pediatriche più importanti al mondo consigliano di introdurre alimenti solidi nella dieta del bambino dopo 6 mesi. Prima di questa data, il latte materno o la bottiglia sono...