Insonnia, che cos'è e come trattarla?

Le ore che un bambino trascorre dormendo è un fattore importante durante la crescita dei bambini. Godersi un buon riposo è essenziale per affrontare il gran numero di attività che devono affrontare la più piccola della casa durante il giorno.

Ci sono molte energie che sono necessarie per affrontare una giornata scolastica e le varie attività extrascolastiche, per non parlare della fatica che comporta giocare con gli amici.

Tuttavia, a volte appaiono alcuni problemi che rendono difficile per il bambino godersi questo riposo durante la notte. È normale che ci sia un risveglio durante la notte nel più piccolo, l'Associazione Spagnola di Pediatria, AEPED, afferma che circa sei mesi di età il bambino dorme fino a cinque ore di fila. Tuttavia, se la difficoltà ad addormentarsi diventa qualcosa che dura nel tempo, devi preoccuparti perché potremmo trovarci di fronte a un caso di insonnia


Cos'è l'insonnia?

L'AEPED osserva che puoi parlare di insonnia quando un bambino ha difficoltà ad addormentarsi e si sveglia numerose volte durante la notte. Questi problemi significano che non hai la sensazione di riposare al momento del risveglio. Questo organismo sottolinea anche che un sonno notturno è normale e molto più nei minori, ma se questo dura nel tempo e si unisce a una sensazione di sonnolenza durante il giorno potrebbe essere un caso di insonnia. A seconda della causa, puoi parlare di due tipi di problemi del sonno nei bambini:

- Insonnia comportamentale: Si parla di questo tipo di insonnia quando il problema nell'addormentarsi si verifica quando i bambini sono soli. In questi casi l'inizio del sogno è solitamente preceduto da un'attività come raccontare una storia, dondolare il bambino; o la presenza di genitori nella stanza. Se uno di questi elementi non appare prima di coricarsi, il riposo è molto difficile per i minori


- Insonnia dovuta alla mancanza di igiene nel sonno: Questa insonnia si verifica quando i problemi nel sonno sono associati a diverse azioni, come bere bevande eccitanti come bevande contenenti caffeina o eccessivamente zuccherate, fare attività come giocare ai videogiochi prima di dormire o pratiche che destano il livello di allerta del bambino. Può anche influire sul fatto che il tempo trascorso a dormire è eccessivo o il fatto che le ore di sonno del bambino siano variabili.

Fattori che impediscono di addormentarsi

Oltre a questi due tipi di insonnia, ci sono altri fattori che contribuiscono alla difficoltà di addormentarsi nei bambini:

- Disorganizzazione familiare causato da relazioni parent-child in conflitto.

- Stress causato da un carico di lavoro eccessivo durante il giorno


- Il patrimonio genetico. L'insonnia è più frequente nei bambini di genitori insonni.

- Condividi il letto dei genitori ogni volta che il bambino vuole.

- Lascia che il bambino guardi la televisione da solo o a letto prima di coricarsi o che rimane a lungo a casa.

- Controlla il tablet o lo smartphone prima di dormire

Diagnosi e trattamento dell'insonnia

Una volta notato che il bambino presenta questi problemi per dormire assiduamente, è importante andare dal pediatra per vedere se effettivamente stiamo affrontando un caso di insonnia o se al contrario c'è un problema più grande che richiede la presenza di un altro specialista. Il medico deve verificare se esiste un antecedente nella storia clinica poiché un caso precedente può spiegare la situazione che il bambino sta attraversando.

Durante la diagnosi è importante anche la collaborazione dei genitori quando parlano di alcuni aspetti che il bambino può ignorare come le loro paure o altri punti a cui il bambino non importa. Per questo è consigliabile creare un diario del sonno che raccolga tutte le abitudini del bambino al momento di andare a letto e altre azioni che si svolgono durante il giorno e che possono ostacolare il sonno.

Se viene rilevato che il bambino soffre di insonnia, è importante iniziare un trattamento in cui, oltre al medico, i genitori dovranno collaborare per porre fine a questo problema. Tra le soluzioni per dormire i problemi di riconciliazione sono i seguenti:

- Misure di igiene del sonno: Si tratta di incoraggiare abitudini salutari come seguire una routine fissa sia di giorno che di notte, evitare azioni che aumentino il livello di allerta nei bambini come giochi intensi prima di andare a dormire ed evitare i videogiochi e i momenti di utilizzo mobile prima di andare al letto. Bisogna prendersi cura dell'ambiente per dormire e assicurarsi che non ci sia rumore e controllare la luce senza luce, con una temperatura confortevole. I pasti pesanti, le bevande stimolanti e i sonnellini lunghi sono totalmente vietati.

- Interventi psicologici: agiscono sul comportamento e servono a ridurre la resistenza al risveglio della notte e della notte. Le tecniche raccomandate variano a seconda dell'età del bambino.

- Farmaci: il suo uso è raccomandato solo nei casi in cui altre tecniche non hanno funzionato. C'è sempre stata una prescrizione medica e un follow-up della terapia nel caso in cui fosse necessario sospendere o apportare modifiche a questo farmaco.

Damián Montero

Video: Insonnia: Cos'è e come si cura? (also subtitles english)


Articoli Interessanti

Adolescenza: madri sullo sfondo

Adolescenza: madri sullo sfondo

Con l'adolescenza, avviene il baratto ruoli tra padre e madre che si stava preparando negli anni precedenti. Ora è papà che deve prendere una posizione più attiva, specialmente con i figli e mamma...

Come prevenire la congiuntivite

Come prevenire la congiuntivite

La congiuntivite è uno dei fenomeni oculari più comuni che colpisce tutta la famiglia, compresi i neonati. Anche se è molto fastidioso, nella maggior parte dei casi non è grave, ma è importante...