Ecco come funziona il cervello del tuo bambino

il apprendimento precoce Non è un capriccio di pedagoghi e insegnanti. È una realtà tangibile ed efficace, dal momento in cui il baby cervello, le sue enormi possibilità e le sue basi neurologiche.

Come la scienza avanza nella conoscenza del cervello, rafforza l'idea che il suo sviluppo e le connessioni neurologiche che lo sviluppano, vanno in proporzione alle stimolazioni che riceve. L'età dell'oro nell'istruzione va da zero a otto anni e in questo periodo i primi tre anni sono i più importanti.

Educare presto significa, quindi, approfittare dei momenti in cui psicologicamente è nelle migliori condizioni per stabilire circuiti neurali. Consiste nell'offrire una stimolazione ricca e organizzata che consente di raggiungere ogni bambino, in base alle sue condizioni personali, ai livelli di maturità neurologica, all'apprendimento e allo sviluppo ottimali. La prima educazione, raggiungendo livelli più alti di prestazioni, dà al bambino maggiore sicurezza, autostima e accettazione sociale.


L'eredità genetica e lo sviluppo del cervello del bambino

L'ereditarietà genetica impone condizioni di sviluppo del cervello, un punto di partenza e un barlume di possibilità. Ma senza un'educazione adeguata, queste possibilità non si realizzerebbero.

Per questo motivo, incoraggiare nel nostro piccolo il maggior numero possibile di connessioni, circuiti e reti del cervello attraverso pratiche di apprendimento, circondarlo di affetto che fornisce sicurezza e fornire modelli appropriati da imitare è semplicemente stimolare in anticipo.

E come possiamo farlo? Bene, come dice l'esperto Glen Doman: "I bambini piccoli hanno cinque modi per imparare le cose dal mondo. Puoi vederlo, ascoltarlo, toccarlo, annusarlo e gustarlo. Non più Cinque test di laboratorio per conoscere il mondo. "


Come funziona il cervello del nostro bambino?

Il cervello è un organo fisico che occupa il cranio e la colonna vertebrale umana. Pesa tra i 1.500 ei 2.000 grammi ed è responsabile per noi di parlare, camminare e in qualche misura pensare. Contiene oltre 10 milioni di neuroni di cui usiamo una percentuale molto piccola. A tre anni, il cervello è maturato e si è sviluppato del 50% della sua capacità e all'8, 80%.

Il neonato ha già circa 100 miliardi di cellule. È come un guazzabuglio di neuroni che aspettano che tutti vengano intessuti. Possiamo confrontare una connessione neuronale con una lampadina: se si verifica la stimolazione, la cellula interessata è uguale a una lampadina accesa; in caso contrario, la cella è uguale a uno spento. Se il neurone viene stimolato, è eccitato e connesso con un altro neurone (plasticità neuronale). Questo è quando l'apprendimento e la memoria hanno luogo. Negli anni di sviluppo ci sono il doppio dei neuroni rispetto all'età adulta.


quando un neurone viene attivato dalla stimolazione, apre i suoi canali di sodio e di calcio e genera un impulso elettrico che viene trasmesso chimicamente (neurotrasmettitori) lungo il prolungamento del neurone (l'assone) e viene trasmesso ad un altro neurone con cui contatta. Questo contatto è chiamato sinapsi. La sinapsi è l'unità funzionale del sistema nervoso. L'apprendimento e la memoria comportano una modifica della forza o del numero di connessioni sinaptiche.

Per questo motivo, l'esercizio è necessario. Quando un bambino piccolo, un bambino, lancia un oggetto nell'aria centinaia di volte e cade sempre, i bambini stanno espandendo rapidamente le loro conoscenze se hanno l'opportunità di esercitarsi molte volte. Durante l'apprendimento, la pratica produce una modifica delle connessioni tra i neuroni che rimane nel tempo (memoria).

Le funzioni degli emisferi del cervello

Sono state anche scoperte le funzioni dei due emisferi del cervello:
Emisfero sinistro: spiegare le parole; memoria della lingua; pensiero processuale; controllo emotivo; lavorare con i dati; analizzare; ragionamento logico; attività strutturate; organizzare.
EMISFERO GIUSTO: spiegare visivamente; memoria di immagini; pensiero globalizzato; espressione di emozioni; lavorare con le immagini; sintetizzare; capire intuitivamente; attività aperte; improvvisare.

I due emisferi sono in comunicazione permanente. Esistono strutture specializzate in varie regioni cerebrali, in modo non simmetrico e lateralizzato. Ma la trasmissione di informazioni tra entrambi gli emisferi consente un'azione globale che rende difficile percepire questa lateralizzazione funzionale nella vita di tutti i giorni.

il emisfero sinistro, chi è consapevole, esegue tutte le funzioni che richiedono un analitico, elementalista e pensiero atomistico. Riceve i dati delle informazioni ai dati, li elabora in modo logico, discorsivo, causale e sistematico e ragiona in modo verbale e matematico, nello stile di un computer in cui ogni "decisione" dipende dalla precedente; il suo modo di pensare gli permette di conoscere una parte alla volta, non tutto o il tutto; è prevalentemente simbolico e astratto, possiede una specializzazione e un controllo quasi completo dell'espressione del linguaggio, della scrittura, dell'aritmetica e del calcolo.

il emisfero destrotuttavia, che è sempre inconscio, sviluppa tutte le funzioni che richiedono a pensare o una visione intellettuale sintetica e simultanea di molte cose allo stesso tempoPertanto, questo emisfero è dotato di un pensiero intuitivo che è capace di percezioni strutturali, sincretiche e geometriche e può confrontare schemi in modo non verbale e metaforico. Il suo stile di procedura è complesso, non lineare. Ciò gli consente di orientarsi nello spazio e gli consente di pensare e apprezzare le forme spaziali, il riconoscimento dei volti, le forme visive e le immagini tattili, la comprensione pittorica, le strutture musicali e, in generale, tutto ciò che richiede un pensiero visivo, immaginazione o è legato all'apprezzamento artistico.

Ragazzi e ragazze, uno sviluppo diverso

In risposta a queste indagini, gli emisferi dei bambini si sviluppano in modo diverso rispetto a quelli delle ragazze. Quindi, i maschi presentano più dislessia, più afasia (silenzio, mutismo), più autismo, le funzioni sono più localizzate e hanno più efficienza spaziale.
Al contrario, le ragazze hanno meno ritardi linguistici, le funzioni cerebrali sono più distribuite e hanno maggiore efficienza verbale e c'è una percentuale minore di mancinismo.

Marisol Nuevo Espín
consiglio: José Antonio Alcázar Consulente di educazione

Potrebbe interessarti:

- Prepara il tuo bambino a imparare a parlare

- 10 esercizi di ginnastica cerebrale per bambini e adulti

- Le fasi del linguaggio del bambino

- Come i bambini imparano: è così che funziona il tuo cervello

Video: La mente di un DSA


Articoli Interessanti

Bullismo: chi punisce la legge?

Bullismo: chi punisce la legge?

Il suicidio di Diego, un ragazzo di undici anni, precipitato da una finestra in una scuola di Madrid, riapre il dibattito sociale sull'efficacia delle misure contro il bullismo. Attualmente, 1 su 4...