Nelle colpe dei bambini, è colpa mia?

"Gli dico continuamente di studiare, fare i compiti, fare i compiti, non perdere tempo.È colpa mia se la suspense dei miei figli o che ottengono brutti voti? "Beh, forse devi controllare come lo guardi e come gli racconti le cose. Devi chiedergli il motivo della sua mancanza di responsabilità piuttosto che parlargli o minacciandolo.

Secondo il professor Aquilino Polaino, professore di psicopatologia, il sospeso o il "bisogno di migliorare" della Primaria, sono motivati ​​da vari fattori: mancanza di preparazione nella materia, perché non capisci con l'insegnante, perché non hai avuto abbastanza fortuna nelle domande che ti sono state poste nell'ultima valutazione, perché A lui non piace quella roba e lui soffoca e blocca quando inizia a studiare. Può anche essere causato da problemi personali: separazione dai genitori, argomenti forti di fronte ai bambini, mancanza di autostima con compagni di classe, problemi scolastici, ecc.


Per questo motivo, invece di minacce, umiliazioni, "sei un vago, ti avevo avvertito, devi lavorare, sarai punito", dobbiamo cercare di porvi rimedio. I sermoni, le punizioni, le facce cattive, le correzioni in pubblico, fanno sì che nostro figlio rimanga incolpato e confuso. Quindi, come dovrei agire per ottenere buoni voti? In primo luogo, parlando con nostro figlio, senza aver paura di chiedergli cosa c'è che non va; in secondo luogo, chiedere l'opinione dei tutor e cercare soluzioni; terzo, scartando possibili patologie come dislessia, iperattività, ecc.

Di fronte alla suspense

Valutare i nostri figli solo a causa dei voti ottenuti è un errore enorme. Sapevi che possiamo anche approfittare di voti bassi? Deve servirci per sapere cosa costa di più e in che modo saremo in grado di aiutarti. Devi affrontare le basse prestazioni come una sfida: "devi migliorare la velocità di lettura, perché lavoreremo" "Non sei bravo in matematica, non ti concentri, vedremo come ci divertiamo con i numeri". È così che dobbiamo affrontare i bassi voti e aiutare nostro figlio a superare se stesso.


Un atteggiamento quotidiano di alcuni genitori è quello di esaminare se stessi con i loro figli: "abbiamo un esame, abbiamo approvato, abbiamo preso nota". Secondo Aquilino Polaino, la famiglia non deve essere esaminata con ogni bambino. Sono i bambini e solo loro che vengono esaminati, possiamo aiutarli, senza fare i compiti, o sederci con loro. Siamo lì per risolvere i dubbi, per chiedere loro la lezione, per spiegarli, ma rimane il nostro dovere. Dobbiamo insegnare l'autonomia prima di studiare.

Punizioni per ottenere brutti voti

Né le punizioni né i sermoni gli porteranno a svolgere compiti con maggiore responsabilità e ad andare da una "necessità di migliorare" a una "situazione evidenziata". E se si siedono sulla sedia a fare i compiti, sarà per paura della minaccia. Né le minacce "sarai punito nella tua stanza per tutta la settimana, senza partire, guarda cosa ti dico", servono per il nostro bambino a cambiare, l'unica cosa che produce è la paura del bambino nei nostri confronti.


Allo stesso modo, i paragoni con fratelli o altri bambini non sono buoni consiglieri, l'unica cosa che causa a nostro figlio è la colpa, il risentimento e il dolore, perché si sente respinto dai suoi genitori. Devi trovare il motivo di questa bassa prestazione: se è perché guardi troppa televisione, perché passi troppo tempo sul computer, con il tuo cellulare, perché sei distratto dai giochi ecc.

Dovremo aiutarlo a cambiare abitudini e atteggiamenti, convincerlo a essere soddisfatto dello studio, a lavorare bene. Per farlo funzionare al meglio, è sempre meglio lodare ed educare positivamente: "Puoi, ci miglioreremo nella prossima valutazione", "vedrai quanto ti senti felice quando finisci di fare tutte le moltiplicazioni".

Marisol Nuevo Espín
consiglio:Il professor Aquilino Polaino, Professore di psicopatologia

Video: PREGHIERE DELLA SERA


Articoli Interessanti

Cinque seggioloni economici per il tuo bambino

Cinque seggioloni economici per il tuo bambino

Sei già Preparandoti a comprare il seggiolone migliore per il tuo bambino? Il tempo vola e, quando te ne rendi conto, lo stai già mangiando con il resto della famiglia. I seggioloni sono i migliori...

Occhio secco, una sindrome che può essere evitata

Occhio secco, una sindrome che può essere evitata

Ore e ore davanti al computer o esposti a polvere domestica, fumo di tabacco, alcuni prodotti per la pulizia o inquinamento sono alcuni dei fattori di rischio che causano la cosiddetta sindrome...