Allergia al pesce nei neonati e nei bambini: sintomi e diagnosi

il allergie alimentari Sono frequenti nei bambini. In particolare, il allergia ai pesci di solito compare durante il primo o il secondo anno di vita, il che fa apparire i genitori Molti dubbi a riguardo. Quali sono i suoi sintomi? Come identificarlo?

L'allergia al pesce viene prodotto, nella maggior parte dei casi, "da un'alterazione immunologica per la quale il paziente allergico sintetizza un anticorpo contro le proteine ​​del pesce", spiega l'Associazione Spagnola di Pediatria in Attenzione Primaria (Aeped), che indica che questa alterazione cause una reazione immediata quando ingerita o hai un contatto con lui, qualcosa che non può essere prevenuto.


Gli esperti indicano che di solito si verifica un'allergia al pesce quando lo mangi per la prima volta, qualcosa che di solito si verifica durante il primo o il secondo anno di vita. Spiegano anche che di solito dura più a lungo dell'allergia al latte o alle uova e che può durare anche per decenni.

Differenze tra i pesci

L'allergene principale nei pesci è una proteina chiamata parvalbumin che è molto simile in tutti i pesci, il che rende i pazienti allergici ai pesci "sono più di uno". "I pesci con un contenuto di parvalbumin superiore producono più allergie di quelli con meno", dettaglio pediatri.


Nel nostro paese, il pesce che produce più allergie è il gallo o il rapace, seguito da nasello, sardine e merluzzo. Al contrario, I più tollerati sono l'imperatore, il palombo e il tonno. In effetti, quelli allergici al tonno possono prenderlo in scatola ", il che indica che la preparazione per l'inscatolamento può ridurre la sua allergenicità", spiegano.

D'altra parte, è interessante notare che è comune per reazioni allergiche con esposizione al vapore di cottura da pesce. Inoltre, i pediatri dicono che, sebbene si creda che le persone allergiche ai pesci siano anche allergiche ad altri prodotti ittici, un paziente allergico ai pesci non deve essere allergico ai crostacei.

I sintomi di allergia al pesce

In generale, i sintomi di coloro che sono allergici ai pesci sono simili a quelli che sono allergici ad altri alimenti. "Di solito compaiono immediatamente o durante la prima ora dopo averlo ingerito," affermano i pediatri, spiegando che il più frequente è il Aspetto del prurito della bocca o della faringe con o senza arrossamento o orticaria intorno alla bocca per contatto con il pesce.


Altri sintomi importanti sono la comparsa di pomelli in tutto il viso e il corpo e "persino gonfiore di labbra, palpebre e orecchie", sintomi che aggiungono la comparsa di vomito o diarrea durante la prima ora dopo aver mangiato pesce.

il Coinvolgimento respiratorio, come la rinite o l'asma, sono meno frequenti, ma "sono sintomi di allarme", commentano i pediatri, precisando che i pazienti asmatici sono più a rischio di avere reazioni gravi. A questo punto, indicano che l'anafilassi è la manifestazione più grave che può verificarsi: la comparsa di difficoltà respiratoria, mancanza di respiro, tosse ripetitiva o secca, gonfiore della lingua, gola chiusa, raucedine, debolezza, pallore, labbra blu o pelle, Impulso debole o esaurimento sono sintomi di gravità ed è un'indicazione assoluta che è necessaria la somministrazione precoce di adrenalina.

Cosa faccio se mio figlio ha un'allergia al pesce?

I pediatri sono chiari: se osserviamo che il nostro bambino ha uno dei sintomi descritti, è necessario sospendere la dieta di qualsiasi pesce e consultare il pediatra, che fornirà le raccomandazioni necessarie e invierà il bambino all'allergologo per la diagnosi.

Inoltre, nel momento in cui osserviamo la reazione allergica al pesce, è necessario lavare l'area di contatto, somministrare antistaminici e, se la reazione è molto grave, dare adrenalina.

La diagnosi di allergia al pesce

L'allergia al pesce viene diagnosticata da la rilevazione di immunoglobuline E specifiche per i pesci, con test cutanei e, a volte, con un esame del sangue. "Nei casi dubbi è necessario somministrare il cibo in quantità progressivamente crescenti e in modo molto controllato (esposizione controllata o test di provocazione) in ospedale, per confermare o escludere l'allergia al pesce", spiegano i pediatri.

Inoltre, gli esperti lo spiegano la maggior parte dei bambini allergici al nasello o al gallo tollerano altri pesci come il tonno, imperatore o squalo topico che sono molto meno allergizzanti, come è stato menzionato prima."Con l'obiettivo che il paziente abbia una dieta quanto più completa possibile, di solito viene condotto uno studio di tolleranza con questi pesci, attraverso il test di esposizione controllata", commentano.

Angela R. Bonachera

Video: Alimenti allergizzanti più comuni e come sostituirli


Articoli Interessanti

Ricetta per smettere di fumare

Ricetta per smettere di fumare

Smetti di fumare! Sì, è facile da dire e difficile da raggiungere. Ci sono molte ragioni per smettere di fumare: dal costo economico alla salute di se stessi e degli altri, specialmente i figli di...

I giovani sono i più letti in Spagna

I giovani sono i più letti in Spagna

il lettura È una delle attività che ha i maggiori benefici per le persone. Dalla distrazione all'apprendimento di nuove conoscenze e allo sviluppo di capacità cognitive. Che siano su carta o sullo...