Come reagire alle difficoltà di apprendimento dei bambini

Per molti genitori è un duro colpo ricevere la notizia che tuo figlio ha un disturbo dell'apprendimento. La notizia che il nostro piccolo ha un deficit di attenzione con iperattività, dislessia, discalculia ... può immergerci in un mare di dubbi. Diventare un terapeuta o un insegnante non è la soluzione, ma ci sono una serie di consigli che saranno di grande aiuto.

"Quando abbiamo saputo che avremmo avuto un figlio, abbiamo immaginato come sarebbe stata la sua piccola faccia, la sua voce, il suo personaggio ... abbiamo sognato un futuro perfetto per il nostro piccolo, che volevamo ancora prima di incontrarlo. Quando nacque, contammo le sue piccole dita, sospirando di sollievo per vedere che erano tutti lì. Gli anni passarono e sembrava che tutto si stesse sviluppando perfettamente. Ma un giorno a scuola hanno alzato l'allarme. Ci hanno detto che qualcosa non andava e raccomandava una valutazione per escludere i problemi. Dopo diverse settimane di valutazione che sembravano anni, era giunto il momento di ricevere i risultati. Disturbo dell'apprendimento Tutti i piani che avevamo fatto per nostro figlio sembravano crollare di fronte a noi senza che potessimo fare nulla per porvi rimedio".

Questa è una storia molto comune tra i genitori i cui figli hanno ricevuto una diagnosi come dislessia, iperattività ... parole che fino a quel momento erano state ascoltate. ma non avevano dato importanza.


Cosa fare quando ci viene diagnosticato un disturbo dell'apprendimento?

Senza dubbio, non è facile assimilare il colpo di informazioni come questo. Ma cosa possiamo fare da quel momento? Non dobbiamo dimenticare che il bambino è ancora lo stesso del giorno prima, quando la sua diagnosi non era ancora nota. I loro punti di forza e di debolezza rimangono gli stessi, sebbene ora possiamo capire meglio cosa devono e come aiutarli a sviluppare nel miglior modo possibile.

Non si tratta di presupporre che abbia dei limiti, poiché non si sa fino a che punto può arrivare con l'aiuto necessario. Ciò di cui possiamo essere sicuri è che avrà bisogno del sostegno e dell'affetto dei suoi genitori, della sua pazienza e della sua comprensione.


E poi, cosa dovremmo fare come genitori con queste informazioni? La funzione non è diversa da quella che avevano prima di conoscere la diagnosi. Dovranno guidare il bambino, dall'affetto, nel suo viaggio verso la maturità.

Linee guida per reagire alle difficoltà di apprendimento dei bambini

Non è necessario che i genitori diventino insegnanti o terapisti. Né acquisiscono conoscenze di medicina né neuropsicologia, ma può essere positivo attenersi alle seguenti linee guida:

1. Prendi la calma del mare di dubbi che sorgono nei momenti critici. Perché mio figlio non vuole fare i compiti? Perché ci sono giorni che fanno bene e altri no? Mi prendi in giro? ... Rispondere correttamente a queste domande aiuterà a migliorare la soluzione.

2. Dare priorità agli obiettivi di apprendimento. Affrontare tutti i contenuti contemporaneamente genererà frustrazione sia nel bambino che nella famiglia.


3. Stabilire un programma di compiti a casa. I doveri possono essere resi eterni quando ci sono difficoltà, quindi sarà conveniente parlare con gli insegnanti per adattare la quantità richiesta.

4. Non centrare la vita del bambino sul lavoro scolastico. È conveniente che svolgano altre attività, come le loro abitudini igieniche, l'ordine e la pulizia e, naturalmente, il gioco e il tempo libero. È capace di fare molte cose bene, ma se svolge solo compiti accademici non possiamo congratularci con lui per questo.

5. Trova il positivo di ogni attività che fai. Le difficoltà sono spesso accompagnate da numerosi errori nelle attività. Se evidenziamo tutti questi errori, sarai frustrato e cercherai di evitare queste situazioni. È meglio analizzare ciò che è migliorato rispetto ai giorni precedenti e salvare queste informazioni.

6. Vai da un professionista che lavora nelle aree interessate in modo che raggiunga il più alto livello possibile di sviluppo.

Carolina Laguna. Neuropsicologo e psicologo dell'educazione. Professore associato nel Master in Neuropsicologia e Istruzione dell'UNIR. Direttore del Dipartimento di Neuropsicologia e insegnante in psicologi Pozuelo.

Video: Dislessia e lettura: come aiutare tuo figlio dislessico a leggere


Articoli Interessanti

L'università esce sempre più costosa

L'università esce sempre più costosa

Arrampicare l'ascensore universitario alla ricerca di un futuro migliore è sempre più costoso. Gli aumenti di prezzo nei gradi dei titoli universitari sono molto significativi, ma non tanto quanto...

Marsupio per l'auto: scegli il migliore

Marsupio per l'auto: scegli il migliore

Viaggiare in sicurezza in auto è una questione della massima importanza per i genitori, soprattutto perché hanno il loro primo figlio. Avere un marsupio sicuro per il nostro bambino è essenziale per...

ADHD, la sfida di fare amicizia

ADHD, la sfida di fare amicizia

Ciò che è diverso causa sempre qualcosa di paura. Lasciare la zona di comfort e sapere qualcosa di diverso costa molto ed è per questo che quando un bambino non si adegua al normale canone, può...