Mio figlio è un nini, cosa faccio?

il I ninis sono giovani tra i 18 e i 34 anni che non studiano né lavorano. Attualmente è noto che oltre il 50% della popolazione di quell'età è nini e sta crescendo producendo molta frustrazione nei genitori che non sono in grado di sapere cosa è appropriato in questi casi.

Ma non sono solo i genitori a soffrire, alcuni di questi adolescenti e giovani lo sono ninis involontario. Tra le caratteristiche che definiscono questi giovani emergono apatia, scoraggiamento, mancanza di sogni, progetti e voglia di fare qualcosa per il loro futuro o il loro presente, vivere perso e senza scopo e questo chiaramente richiede una riflessione.

Se prima il futuro era un po 'più definito ed era più evidente, ora è vero che le possibilità sono state aperte, ma a volte questo è molto positivo perché porta nuovi modi di vivere più correlati, molto più da scegliere e più creatività e libertà per esprimere e lavorare, produce anche più insicurezza, competizione e incertezza.


Più varietà e apatia: il dramma degli ninis

Attualmente, il mondo si sta evolvendo drasticamente. Vengono creati nuovi posti di lavoro, lavori che prima non esistevano, c'è molta più varietà e loro hanno la possibilità di scegliere quello che vogliono, ma se prima c'erano persone che non sapevano molto bene quale professione scegliere oggi questo aumenta da quando Inoltre, se prima la maggior parte di loro lavorava nello stesso posto di lavoro, professione o lavoro per tutta la vita ora ogni persona passerà attraverso diversi lavori per tutta la vita, e questo è qualcosa che per alcune persone è eccitante e stimolante, ma per la stragrande maggioranza genera angoscia e difficoltà ad adattarsi a un mondo che sta cambiando.


Alcuni quando vedono il futuro nero o difficile, o prima di questa insicurezza hanno gettato la spugna e non si sforzano di fare qualsiasi cosa, sono così grandi che non si preoccupano nemmeno di provarlo.

Cause della generazione di nini

La maggior parte di loro semplicemente non ha la capacità di sforzo, ha studiato molto e non vuole fare altri lavori più duri o che considera inferiori a ciò che merita, quindi vive nella casa dei genitori mentre si sforzano di mantenerli. E qui sta una delle cause che fa lavorare molti genitori mentre i loro figli sono diventati viziati vivendo dalla storia, dicendo che non riescono a trovare lavoro da soli.

Ma intanto, perché non lavorano su qualcos'altro? Molti di loro sono cresciuti con iperpaternità, nell'era dei capricci e del consumismo, credono di meritare tutto per niente, perché i loro genitori che non hanno ricevuto tanti doni, affetti o studi hanno voluto offrire ai propri figli più compressione, amore e doni che non avevano.


Siamo passati dal nulla a tutto senza un punto centrale, così ora ci sono molti bambini viziati e immaturi con 30 anni che mentre possono continuare a vivere con il lavoro dei genitori, vivranno benestanti, non hanno bisogno di lasciare il nucleo familiare perché si sentono meglio che da nessuna parte.

Soluzioni per i ninis involontari e le loro famiglie

1. Per i genitori. Tanta comprensione, amore e sostegno per coloro che vogliono veramente cambiare la loro situazione e anche se cercano lavoro non trovano lavoro, danno loro abbastanza compiti a casa, in modo da rimanere attivi, cooperare, sentirsi utili e non accontentarsi. Come raccomandazioni per l'azione con i tuoi figli nini, è consigliabile non dare loro denaro in generale per spese inutili solo per i limiti essenziali e stabiliti e avere fiducia che possano uscire da quella situazione anche se è un po 'difficile, evitare di vederli come bambini poveri quando non sono più sono, non indifesi perché hanno tutte le potenzialità dentro di loro per andare avanti, sono molto più di quanto sembrino.

2. Per nini involontari. Continuate a credere in voi stessi e nella vita, nonostante le cadute, le delusioni e tutte le volte in cui vi è stato detto di non essere in un'intervista, continuate a combattere per voi, non andartene Non dimenticarlo perché non ti adatti in alcuni posti che non significa che troverai presto il tuo posto. Ma non verranno a cercarti a casa, quindi vieni fuori, manda tanti curricula, prova mille volte, fallo come se lo stessi facendo per un bambino piccolo che non viene catturato in una scuola. Sicuramente continueresti a cercarne un altro finché non trovi il tuo sito, non lo lasceresti perdersi, non lo biasimeresti di non averlo portato altrove, lo avresti continuato ad amarlo e ad apprezzarlo, farlo con te.

Idee per i volontari Nini

- Se ora non hai nessuna illusione per qualcosa di speciale, non ti preoccupare, prova, vivi l'esperienza, se non ti piace o senti il ​​bisogno di cambiare, fallo ma non vivere mezzo morto, senza esperienze di vita, senza creare la tua storia, senza sentirti utile, capace, contribuendo al mondo con la tua energia e qualità, non importa quanto lavoro fai se ancora non riesci a trovare la tua passione, ciò che conta è che tu metta passione in tutto ciò che fai.E un giorno, quando meno te lo aspetti, ti divertirai e inizierai a vedere nuove possibilità che si aprono davanti a te, e ti sarai abituato a lavorare, a lottare, a vedere che puoi fare molte cose, ti sentirai più sicuro e preparato per ciò che ti aspetta e che cosa farai con piacere e ti darà i soldi che vuoi fare cose che ami.

- Esci dalla densa energia del conformismo, di conforto, di lamento, vittimismo, umiltà, imparare e vibrare in un atteggiamento positivo, collaborare e contribuire al mondo.

Idoia Berridi. Nutrizionista e life coach. Autore del metodo BeLove del libro. Blog Sii felice, sii sano, sii tu.

Video: GHALI - Ninna Nanna (Prod. Charlie Charles)


Articoli Interessanti

Fase egoista, cosa c'è dietro questo atteggiamento?

Fase egoista, cosa c'è dietro questo atteggiamento?

La condivisione è uno dei migliori valori che la maggior parte delle persone può imparare piccolo. Il fatto di dare agli altri l'opportunità di essere felici con ciò che si gode è qualcosa di...

Il bambino arriva ... senza manuale di istruzioni!

Il bambino arriva ... senza manuale di istruzioni!

Poche situazioni impongono tanto quanto arrivare con la nostra prima figlia dall'ospedale e sapendo che, all'improvviso, siamo irrevocabilmente e permanentemente responsabili di questo piccolo e...