5 chiavi per avere la testa adeguatamente arredata prima dei 12 anni

Le età chiave per creare abitudini di studio, insegnare loro a pensare e ragionare, vanno da 6 a 12 anni, cioè in Primaria. I primi anni di vita sono fondamentali nello sviluppo totale della persona in tutti i campi, sia biologici che emotivi e intellettuali. Pertanto, è possibile gettare le basi per avere ben fornito il capo prima di 12 anni.

Ed è che i progressi delle neuroscienze ci mostrano che il sistema nervoso, la base e il supporto della personalità dell'adulto, si formano nei primi anni, dalla nascita a sette anni.

5 chiavi per avere la testa fornita prima dei 12 anni

Per aiutare i bambini a crescere intellettualmente e sviluppare capacità di pensiero, dobbiamo concentrarci su cinque aree, che sono la base biologica della conoscenza.


1. Attenzione Il bambino, come l'adulto, conserva solo nella mente gli stimoli a cui partecipa. D'altra parte, ci occupiamo solo di ciò che ci interessa. Secondo questa nozione biologica, dobbiamo spiegare ai nostri figli l'importanza di frequentare bene in classe le spiegazioni e di essere attenti ai compiti, senza pensare a nient'altro.

A) Con l'attenzione si sviluppa la capacità di concentrazione, cioè, fissare volontariamente l'attenzione su una singola cosa o attività. I bambini hanno una grande capacità di concentrazione in quello che fanno, se ti piace

Una risposta frequente da parte dei nostri figli sarà: "Sono annoiato, non mi interessa". Come svegliarsi quindi il tuo interesse? Motivandoli, cercando con loro le ragioni che sono di loro gradimento: "Perché imparare cose nuove è divertente, perché ti sentirai felice e rallegrerai papà e mamma, ecc."


Il pericolo di attenzione è la distrazione, tipica dei bambini. Dobbiamo scoprire, parlando con loro, le cause delle loro distrazioni: "Invece di frequentare l'insegnante, penso alla partita di calcio, cosa farò nel cortile, come il mio compagno di squadra ha pettinato, ecc." Dobbiamo incoraggiare i nostri figli a capire quanto si sentano concentrati sul loro lavoro e poi, nel loro tempo libero, a distrarsi da queste cose. Quando si tratta di studiare e fare i compiti, possiamo stabilire con loro ogni mezz'ora o tre quarti d'ora, un po 'di tempo per parlare insieme di queste distrazioni.

B) Qualcosa di essenziale che eviti la dispersione è un ambiente di studio adeguato: un tavolo di studio ordinato, lontano dal rumore, privo di oggetti che possono distrarti, con un programma di studio, ecc. L'affaticamento o la mancanza di sonno causano anche la mancanza di attenzione.

C) L'attenzione è qualcosa che deve essere acquisito come un'abitudine. Tutti possiamo occuparci di tutto ciò che ci interessa, ma la capacità di concentrazione è un'abitudine acquisita dalla ripetizione, dalla perseveranza e dalla forza.


2. La percezione. La percezione è la condizione del pensiero, una forma sensibile di intuizione della realtà fisica. Noi percepiamo gli oggetti attraverso segnali visivi (dimensioni, movimento), segnali muscolari, tatto, rumore, ecc. Logicamente, solo ciò a cui viene prestato attenzione viene percepito coscientemente.

Uno degli esercizi che possiamo fare con i nostri figli è quello di chiedere loro ogni giorno, (con grazia, senza sondare un esame), analizzare la loro capacità di percezione è ciò che è stato ciò che ha risvegliato maggiormente l'interesse delle persone spiegate o apprese in classe. Inoltre, possiamo anche esercitare l'abitudine alla percezione chiedendo loro, in ciò che hanno messo più volontà a partecipare meglio nelle classi più noiose. Sicuramente si sentiranno molto bene per aver provato e richiesto in quello che non volevano.

3. L'apprendimento. Se aiutiamo i nostri figli a percepire meglio ciò che viene insegnato, prestando attenzione e interesse, siamo andati a metà strada per raggiungere un apprendimento ottimale. Ma l'attenzione non è abbastanza. Hanno bisogno di sviluppare le abilità e le abitudini verbali.

Entrambi sono acquisiti da ripetizioni e strategie di lavoro. Potremmo riassumere che la lettura, la scrittura e il calcolo, insieme con l'attenzione, l'osservazione e la memoria, sono alla base di tutto l'apprendimento.

Alcune strategie di apprendimento sono:

a) Raccogliere dati e informazioni: nota, racconta, osserva le differenze e le somiglianze, ascolta, chiedi e soprattutto leggi, leggi e leggi.
b) Organizzare le informazioni: confronta, ordina, classifica, ecc.
c) Preparare le informazioni: analizzare, interpretare, sintetizzare, sintetizzare, identificare l'idea principale, sottolineare, schemi, ecc.
d) Comprensione ed espressione: Lettura completa, interpretazione della lettura, espressione orale e drammatica, scrittura, ortografia, scrittura, composizione, vocabolario, comprensione significativa dei concetti, consultare il dizionario, ecc.
e) Calcolo: mentale, operazioni, approccio e problem solving, avviare e formulare semplici ipotesi sugli eventi, spiegazione dei problemi, ragionamento, ricerca di diverse soluzioni, ecc.
f) Abitudini e tecniche di studio elementari: Programma di studio, uso del programma, distribuzione del tempo di studio, compiti di ordine, tecniche semplici di memorizzazione meccanica e completa ecc.
g) Atteggiamenti verso l'apprendimento: curiosità intellettuale, indagine, stupore, eccitazione alla scoperta, apprendimento dagli errori, desiderio di conoscere le ragioni delle cose, soddisfazione per un lavoro ben fatto, cura e pulizia nella presentazione del lavoro, desiderio di eccellere, impegno

Le abitudini di sforzo, non arrendersi immediatamente alla minima difficoltà, i requisiti a casa e al lavoro, sono le chiavi principali per un buon apprendimento.

4. Memoria L'oblio è il contrario della memoria e il secondo è esercitato con la ripetizione di atti, accompagnato da immagini (immagini mentali) che i bambini trattengono nella mente con tutta la chiarezza e il dettaglio. La memoria è anche acquisita dalla maggiore abitudine di lettura dei nostri figli.

5. L'immaginazione. Un uomo che cresce isolato si ritrova con un'immaginazione atrofizzata. Pertanto, l'immaginazione è strettamente correlata alle relazioni sociali, con nuove conoscenze visive, uditive, ecc. L'immaginazione deve aver raggiunto uno sviluppo sufficiente al raggiungimento dell'età della ragione (verso 10/11 anni). Per questo motivo, dobbiamo anche educare l'immaginazione, fornire al bambino immagini formali, o che la sua mente immagini azioni che legge o sente. Senza immagini formali non c'è astrazione.

Può essere ricordato solo attraverso le immagini. Pertanto, fornire ricchezza percettiva e creatività creativa deve essere presente in modo permanente nella vita dei bambini. Il modo pratico per farlo è essere in contatto con la natura, i giochi, la vita familiare e scolastica. Senza l'immaginazione non c'è intelligenza; e l'immaginazione si sviluppa immaginando.

Quindi, giocare e praticare attività creative e fantasiose con i nostri bambini, immaginando cosa si intende fare, vuole fare, cercare soluzioni fantasiose, ecc., È il modo giusto per sviluppare la propria intelligenza. Pertanto, dobbiamo eliminare il più possibile tutto ciò che porta i nostri figli all'immobilità e alla passività.

Patricia Palacios
consiglio: José Antonio Alcázar, Direttore pedagogico dell'Istituto europeo di studi sull'educazione

Maggiori informazioni Studi e sviluppo intellettuale. Autore Carlos Ros Amador. Parola di ediciones.

Video: Un ricordo di Raffaele Guariglia


Articoli Interessanti

L'università esce sempre più costosa

L'università esce sempre più costosa

Arrampicare l'ascensore universitario alla ricerca di un futuro migliore è sempre più costoso. Gli aumenti di prezzo nei gradi dei titoli universitari sono molto significativi, ma non tanto quanto...

Marsupio per l'auto: scegli il migliore

Marsupio per l'auto: scegli il migliore

Viaggiare in sicurezza in auto è una questione della massima importanza per i genitori, soprattutto perché hanno il loro primo figlio. Avere un marsupio sicuro per il nostro bambino è essenziale per...

ADHD, la sfida di fare amicizia

ADHD, la sfida di fare amicizia

Ciò che è diverso causa sempre qualcosa di paura. Lasciare la zona di comfort e sapere qualcosa di diverso costa molto ed è per questo che quando un bambino non si adegua al normale canone, può...