Vivere al lavoro: sindrome del burnout

il Sindrome di burnout È una realtà sempre più frequente che si estende in modo inarrestabile. Le esigenze del lavoro e della famiglia, l'alto tasso al quale ci sottoponiamo quotidianamente, ci portano direttamente al il burnout e le sue tragiche conseguenze. La parola il burnout viene dall'inglese (bruciare) e letteralmente significa bruciare, bruciare o bruciare.

La parola il burnout ha dato un nome a una sindrome che si riferisce a quella situazione di essere bruciati, esausti, esausti, con stress cronico, come conseguenza di vivi al lavoro.

Vivere per lavorare o lavorare per vivere

il Sindrome di burnout è un disturbo che si manifesta come una risposta di stress cronico che produce una situazione lavorativa o lavorativa che a sua volta comprende tre dimensioni:


1. Stanchezza emotiva: È un senso di usura, la persona sperimenta una progressiva perdita di energia, accompagnata da esaurimento e affaticamento.
2. Depersonalizzazione: c'è costante irritabilità, demotivazione e atteggiamenti negativi.
3. Bassa autostima: La persona si sente inutile e incapace di fare il proprio lavoro.

Le persone colpite dal Sindrome di burnout Superano le loro risorse personali e sentono di non poter dare di più.

Perché appare la sindrome di Burnout?

Più di una singola causa, la sindrome di Burnout appare quando ci sono una serie di circostanze che insieme causano il il burnout. La sindrome di Burnout appare quando la persona è sottoposta a stress cronico e questa risposta cronica è una conseguenza dell'interazione tra il tipo di lavoro e le sue caratteristiche e le caratteristiche della persona. Queste sono alcune delle circostanze che possono essere la causa della sindrome di Burnout:


1. Caratteristiche del lavoro

- Lavori che richiedono il servizio al pubblico e di conseguenza resistere a reclami e richieste, che possono generare stress costante.
- Una responsabilità molto alta per molto tempo. Quando la responsabilità è alta, è necessario essere completamente concentrati sul compito e appare anche la pressione per non essere sbagliato.
- Giorni lavorativi molto lunghi. Quando la persona non fa le pause e non scollega lo stress aumenta.
- Esecuzione di un lavoro molto monotono che demotiva e brucia.

2. Caratteristiche della persona

- Idealizza il lavoro, All'inizio hanno una convinzione idealizzata, troppo ottimista riguardo al loro lavoro.
- Sono persone consegnate al lavoro, che spesso vive per lavoro e dimentica di disconnettersi.
- Di solito hanno una bassa autostima.
- In molte occasioni, non sono responsabili, Pensano che ciò che accade non dipende da loro.
- Bassa tolleranza alla frustrazione e al fallimento. I fallimenti e le critiche vanno in uno stato di frustrazione.
- Risposte emotive molto intense.


Sintomi della sindrome di Burnout

La sindrome del burnout ha come sintomo principale l'esaurimento e la sensazione di non essere in grado di fare di più, ma vediamo i sintomi in dettaglio:

- Demotivazione per lavoro. Sono persone che vivono per lavorare ma cominciano a sentirsi immotivate. Sentono che le cose non sono fatte bene e che nulla funziona come dovrebbe, si sentono immotivate.
- Cambiamenti di umore, Improvvisamente la persona inizia a sentirsi irritabile, si arrabbia troppo spesso e perde persino il controllo dicendo cose, urlando, ecc.
- Indifferenza verso il lavoro, Clienti, colleghi, ecc.
- Delusione e perdita di capacità sul lavoro. Fanno errori molto spesso.
- Mancanza di energia e costante stanchezza.
- Difficoltà a concentrarsi e diminuzione delle sue prestazioni.
- Affettazione delle relazioni sociali al di fuori del lavoro, diventi più scarso e conflittuale. Le discussioni con la coppia e la famiglia aumentano.
- A livello fisico: aumento di peso, insonnia, mal di testa e / o stomaco, ecc.

Conseguenze della sindrome di Burnout

La sindrome da burnout può avere gravi conseguenze e portare a disturbi più dannosi che richiedono un trattamento. Tra i più comuni ci sono:

- Diminuzione delle prestazioni e della capacità di lavoro.
- Aumento del rischio di consumo di sostanze nocive: alcol, droghe, ecc.
- Insonnia e disturbi del sonno.
- Disturbi dell'umore come depressione o ansia.
- Malattie fisiche. Lo stress porta a una diminuzione delle difese che possono mettere a rischio la salute.

9 consigli per prevenire la sindrome di Burnout

L'attuale ritmo della vita fa dello stress una parte della routine quotidiana, quando il lavoro occupa un posto centrale, la persona si concentra sul suo lavoro e si lascia da parte.È necessario tenere a mente l'importanza di prendersi cura di se stessi, di prendere tempo e di disconnettere, a volte può essere difficile, ma si tratta di un cambiamento di atteggiamento e di valutare le priorità.

1. Impara a disconnettere di lavoro.
2. Prendi tempo per te stesso ogni giorno. Non è necessario che sia troppo tempo, ma è necessario che questa volta sia di qualità e aiuti a lasciare la mente lontana dal lavoro.
3. Evitare sovraccarico di lavoro. Impara a organizzare e stabilire le priorità delle attività.
4. Cambia i tuoi pensieri e imparare a relativizzare il lavoro. Le cose non sono sempre come dovrebbero essere, quando inizi ad accettarlo puoi andare avanti.
5. Prenditi cura del tuo livello di auto-imposizione e impara a non superare i tuoi limiti.
6. Impara a delegare, collaborare e condividere compiti.
7. Sviluppa uno stile di comunicazione assertivo che ti permette di comunicare con capi e colleghi e difendere i tuoi diritti e il tuo tempo.
8. Ricorda a te stesso che lavori per vivere, ma non vivi per lavoro.
9. Invece di chiedere che tutto sia perfetto, impara a divertirti e ad imparare da ciò che fai.

Trattamento della sindrome di Burnout

Ma cosa succede se non siamo stati in grado di prevenirlo e troviamo la sindrome? Quali linee guida di trattamento possiamo seguire?

- Vai da uno specialista che può guidare il processo.
- Impara le tecniche di rilassamento per aiutarti a liberarti dallo stress quotidiano.
- Sviluppo dell'autostima. Il trattamento deve lavorare sullo sviluppo dell'autostima, per aumentare gradualmente la percezione di autoefficacia.
- Ristrutturazione cognitiva. Si tratta di ottimizzare il modo di pensare, in questo modo imparerai a vedere il lavoro da un altro punto di vista.
- Sviluppo delle competenze emotive. Tolleranza alla frustrazione, abilità comunicative, ecc.
- Trattamento di possibili problemi associati.

Celia Rodríguez Ruiz. Psicologo clinico sanitario. Specialista in pedagogia e psicologia infantile e giovanile. Direttore di Educa e impara. Autore della collezione Stimolare i processi di lettura e scrittura.

Video: Psicologia e lavoro: Burnout - come evitarlo


Articoli Interessanti

Ricetta per smettere di fumare

Ricetta per smettere di fumare

Smetti di fumare! Sì, è facile da dire e difficile da raggiungere. Ci sono molte ragioni per smettere di fumare: dal costo economico alla salute di se stessi e degli altri, specialmente i figli di...

I giovani sono i più letti in Spagna

I giovani sono i più letti in Spagna

il lettura È una delle attività che ha i maggiori benefici per le persone. Dalla distrazione all'apprendimento di nuove conoscenze e allo sviluppo di capacità cognitive. Che siano su carta o sullo...