Separa gli studenti nelle aule

Nel corso della storia, governi, ministeri e scuole hanno escogitato diversi metodi per migliorare il sistema educativo, ruotando intorno a una questione centrale: Come dovrebbero essere raggruppati i bambini nelle scuole? Da qui è arrivata la risposta a scuola completa, che si verifica nel nostro paese fino ad oggi.

La scuola completa è stata imposta in Gran Bretagna e promossa da Anthony Crosland, segretario di stato per l'educazione del governo laburista. Crosland, attraverso la creazione di questo nuovo metodo educativo, ha concluso il sistema tripartito, basato sulla separazione dei bambini attraverso un test all'età di 11 anni e reindirizzandoli a tre tipi di scuole in base alle loro prestazioni. È stato il modello di diversi paesi europei che hanno focalizzato la loro istruzione sulla scuola globale.


Separazione per rendimento scolastico

Il sistema spagnolo è ancora dominato dalla scuola globale, la cui implementazione era l'impegno di LOGSE, ma il modello sta cambiando in altri modi, da allora ci sono molti centri, indipendentemente da ciò che detta la legge, che separano gli studenti in base al loro rendimento scolastico.

Il 30 percento degli istituti separa i loro studenti dalla conoscenza, dividendoli in quelli con più o meno competenze. Mentre, un altro terzo, mantiene i loro studenti in gruppi differenziati solo per alcune materie. Separando gli studenti, il divario di conoscenze tra i due viene accentuato e gli insuccessi scolastici triplicano, specialmente in quei giovani che provengono da famiglie con un basso livello socioeconomico o ambienti in cui non prestano troppa attenzione all'educazione dei loro figli.


"Il nostro sistema è andato a caccia dello studente che non sta facendo bene ed è stato indirizzato a gruppi differenziati. È una realtà nella pratica quotidiana, che tende ad essere costituita dal quinto o sesto grado della scuola primaria, quando le classi sono separate in base alle prestazioni degli studenti. È una separazione che avviene con la conoscenza esplicita dei chiostri e, talvolta, delle famiglie ", dice Juan Manuel Escudero, professore di didattica e organizzazione scolastica all'Università di Murcia.

In un centro educativo, dove è raggruppato in modo omogeneo, molti bambini vengono lasciati incustoditi. Non ci si aspetta molto da gruppi di studenti che hanno aspettative inferiori e inferiori. Per questo motivo, finisce per adempiere alla profezia: le aspettative degli insegnanti condizionano gli studenti, che, di fronte al basso stimolo, soddisfano i comportamenti che gli insegnanti si aspettavano.


I ripetitori aumentano il fallimento in classe

Se segregato per livelli è negativo, non è meno l'accumulo di ripetitori in classe. È stato dimostrato che i gruppi con più studenti che stanno ripetendo il corso tendono ad avere risultati accademici peggiori. Il livello socioculturale ed economico delle famiglie degli studenti è un altro fattore. Gli studenti che provengono da una famiglia con un alto livello socioculturale e più risorse hanno maggiori probabilità di sfuggire all'insuccesso scolastico.

Qual è l'uso dell'istruzione nella società?

In classe devi imparare a vivere con altre persone, creando condizioni simili a quelle che la vita reale significherà. La grande sfida per una scuola è quella di realizzare il ruolo dell'integrazione sociale e della coesione. La scuola deve essere un riflesso del tipo di società che vogliamo formare. Dopo tutto, per trovare un sistema educativo che serve davvero l'arricchimento dei bambini, dovremmo chiederci, Come vogliamo che sia il cittadino del futuro?

Noelia de Santiago Monteserín

Video: LA DEGENERAZIONE DELLA SCUOLA - Umberto Galimberti


Articoli Interessanti

Adolescenza: madri sullo sfondo

Adolescenza: madri sullo sfondo

Con l'adolescenza, avviene il baratto ruoli tra padre e madre che si stava preparando negli anni precedenti. Ora è papà che deve prendere una posizione più attiva, specialmente con i figli e mamma...

Come prevenire la congiuntivite

Come prevenire la congiuntivite

La congiuntivite è uno dei fenomeni oculari più comuni che colpisce tutta la famiglia, compresi i neonati. Anche se è molto fastidioso, nella maggior parte dei casi non è grave, ma è importante...