Convulsioni infantili: bloccate dal pianto

il crisi epilettiche costituiscono, a qualsiasi età, una delle manifestazioni cliniche più allarmanti e spettacolari. Di solito si verificano in bambini di chiara costituzione nervosa a causa di una punizione, un rifiuto, un desiderio insoddisfatto o, anche, a causa di processi febbrili.

Si chiama convulsione alla brusca e involontaria contrazione di un gruppo muscolare. Generalmente, è causato da una scarica elettrica dal sistema nervoso centrale, dal cervello, e la contrazione può essere limitata a pochi muscoli come quelli del viso o quelli di un arto, anche se è più normale generalizzare facendo apparire le scosse dell'intero corpo.


Un attacco generalizzato di solito è accompagnato dal rilassamento degli sfinteri urinari e digestivi in ​​modo che il paziente abbia un'emissione involontaria di urina e feci. Inoltre, e a causa della contrattura dei muscoli della gola, la saliva esce dall'esterno.

In quasi tutti i casi di convulsione generalizzata C'è contemporaneamente una perdita di coscienza che può durare per un periodo più lungo o più breve anche dopo che la convulsione muscolare è cessata.

Spasmi urlanti

Gli spasmi di pianto sono molto frequenti nell'infanzia, anche se ci sono in loro parecchi gradi che è necessario sapere. Quando il processo è completo, il suo sviluppo è come questo: il bambino, di solito meno di cinque anni e di chiara costituzione nervosa, comincia a piangere per qualsiasi causa, un colpo, una punizione, un desiderio o un capriccio insoddisfatto.


In pochi istanti espelle tutta l'aria e rimane momentaneamente senza respirare; è ciò che le nonne spesso descrivono come il bambino "si incanta" o "è privato". Di solito dopo pochi secondi, che possono essere eterni per i parenti che assistono all'accesso, il bambino recupera il respiro con un profondo movimento inspiratorio.

Ma altre volte, la mancanza di respiro è abbastanza prolungata da influenzare il cervello; in quei casi il bambino mostra labbra viola e inizia ad avere cretini di braccia e gambe, che è il vero spasmo. In ogni caso, il recupero è quasi immediato e il bambino ritorna alla normale attività come se nulla fosse accaduto e non ha mai presentato sequele di un episodio così spettacolare.

La tranquillità prima di tutto

La prima azione paterna, forse la più difficile, deve essere quella di mantenere un'atmosfera di tranquillità in casa, perché è ben dimostrato che la maggior parte di questi bambini appartiene a famiglie in cui ci sono uno o più genitori di costituzione nervosa.


Il secondo consiste di non farti "ricattare" per il bambino e le sue crisi. Il bambino, istintivamente o coscientemente, percepisce il dominio esercitato sui genitori e d'ora in poi utilizzerà la semplice minaccia del pianto per ottenere ciò che vuole da loro.

Una volta che il pianto è iniziato, se il bambino "rimane incantato", dovrebbe essere stimolato con dolci colpi sulla schiena o bagnando il viso con acqua fredda o soffiandoci sopra. Se, tuttavia, viene raggiunto il sequestro, il bambino sarà posto in un luogo confortevole dove non può colpire se stesso con alcun oggetto. La crisi dura solo pochi secondi.

Non è un'epilessia

Quando le convulsioni vengono ripetute in qualsiasi periodo di tempo, possiamo parlare di epilessia sebbene per dare questa diagnosi qualificante sia necessario confermare che esiste una zona del cervello, o tutto il suo, che periodicamente esegue quelle scariche elettriche anormali.

Proprio la mancanza di queste informazioni nei principali attacchi che si verificano durante l'infanzia - convulsioni febbrili e spasmi di pianto o singhiozzo - è ciò che li rende non inclusi nei disturbi epilettici.

Come agire di fronte a un attacco

In convulsioni sia tipiche che atipiche, durante la loro comparsa devono essere prese due misure generali:

- Posiziona il bambino in un luogo confortevole ed evita di farti male con violenti scuotimenti: sciogliendo i vestiti, inserendo tra i denti un oggetto che impedisce il morso della lingua dalla contrattura mandibolare.

- Abbassa la temperatura, sia con mezzi fisici - compresse di acqua fredda o alcol sulla fronte, le estremità e nelle pieghe e pieghe di questi - o farmaci antipiretici.

José Ignacio de Arana. Dottore in Medicina e Chirurgia. Specialista in pediatria e assistenza all'infanzia

Video: LE CONVULSIONI FEBBRILI


Articoli Interessanti

Petecchie, macchie rosse sulla pelle

Petecchie, macchie rosse sulla pelle

Le petecchie sono piccole lesioni cutanee che si verificano a seguito di spargimenti di sangue quando si rompe un capillare. Quando questi minuscoli vasi sanguigni superficiali si rompono, una...

Come prevenire l'asma dalla gravidanza

Come prevenire l'asma dalla gravidanza

I rischi del bambino che sviluppa allergie durante l'infanzia sono il risultato di certe abitudini che si verificano durante la gravidanza come il fumo, lo stress o una dieta povera. Attualmente, il...