Cannabis: miti e realtà del consumo tra gli adolescenti

La Spagna è uno dei paesi europei con il più alto consumo di cannabis tra gli adolescenti. In particolare, l'età di inizio del consumo di cannabis è compresa tra 13 e 15 anni e, per motivi di maturazione personale e cerebrale, i giovani sotto i 20 anni sono più esposti alle conseguenze negative dell'uso di cannabis.

La cannabis proviene da una pianta chiamata "cannabis sativa". Il suo principio attivo è il tetraidrocannabinolo (THC) e viene solitamente consumato sotto forma di un sigaro, noto come "porro", che viene prodotto manualmente usando marijuana (foglie essiccate) o hashish (resina solida) mescolato con tabacco.

Sebbene ogni persona abbia diverse ragioni per iniziare a usare la cannabis, le più frequenti sono: da un lato, che il farmaco è disponibile nell'ambiente. Dall'altro, alcuni "miti" che normalizzano il consumo e fanno credere che non vi sia alcun rischio.


Gli effetti della cannabis tra gli adolescenti

La cannabis ha effetti immediati, derivati ​​dal fatto di fumare, e altri a lungo termine. Alcuni fattori come la quantità, la concentrazione di THC, la costituzione biologica e altre caratteristiche psicologiche della persona come aspettative positive, l'ambiente in cui viene consumato, lo stato mentale precedente e le precedenti esperienze influenzano direttamente il effetti immediati. I più comuni sono: ilarità, alterazioni percettive, goffaggine, lentezza, tachicardia, fame e affaticamento.

A lungo termine, gli effetti sono:


- Dipendenza: circa il 10% dei fumatori sporadici sviluppa dipendenza.
- Aumento del rischio di malattie respiratorie.
- Compromissione delle capacità cognitive: memoria, attenzione e apprendimento. Questo rischio è più alto quando il consumo inizia nell'adolescenza.
- "Sindrome amotivazionale": disinteresse generale in tutto ciò che lo circonda.
- Maggiore probabilità di disturbi psichiatrici nelle persone vulnerabili: psicosi, ansia, depressione.
- Conseguenze sociali: abbandono e fallimento scolastico; problemi di convivenza, irritabilità, discussioni.

Sabrina Sánchez Quintero, psicologa clinica del programma di comportamenti di dipendenza e doppia patologia del servizio di Psichiatria e psicologia clinica HM Puerta del Sur, spiega che "sebbene sia stato descritto un modello di escalation che avrebbe avuto inizio con tabacco e alcol, sarebbe continuato con la cannabis e culminato con altre sostanze (eroina o cocaina) non si verificano necessariamente in tutti coloro che fumano cannabis, molti consumatori chiudono il loro ciclo di consumo con l'astinenza e l'adozione di abitudini salutari ".


Miti sulla cannabis

1. La cannabis è "naturale". Il fatto che la cannabis venga estratta da una pianta invita molte persone a dire che è "naturale", ma ciò non significa che non sia dannoso. Infatti, non tutto "naturale" è sano, come la canapa ricorda che è un veleno "naturale", ed è anche noto che le piante e l'hashish sono attualmente adulterate per modificare la concentrazione di THC.

2. La cannabis "non crea dipendenza". Come tutte le droghe, anche la cannabis genera dipendenza, che si manifesta quando occupa un posto centrale nella vita dell'adolescente, quando ha cercato di smettere e non la raggiunge, o quando dopo averla lasciata subisce molte ricadute. La psicologa Sabrina Sánchez Quintero afferma che "se quando si smette di fumare, sintomi come irritabilità, ansia, perdita di appetito, aumento del consumo di tabacco, insonnia e difficoltà di concentrazione, possono essere sospettati di una dipendenza da astinenza da cannabis. Senza dubbio, è il momento di richiedere una valutazione e un eventuale aiuto professionale. "

Trattamento per superare la dipendenza dalla cannabis e consigli per i genitori

In generale, per gli adolescenti è difficile riconoscere la loro dipendenza e molti genitori si chiedono come comportarsi quando scoprono che il loro bambino usa la cannabis. Approccio e comunicazione sono fondamentali tra genitori e adolescenti. Ma anche, lo psicologo sottolinea che "è consigliabile avvicinarsi con calma a lui per chiedergli quali siano le sue ragioni per consumare e, al tempo stesso, dobbiamo trasmettere con fermezza l'idea, oggi ben contrastata, che il consumo a quell'età ha dei rischi per la sua salute. e che non lo approvano, se non è abbastanza, può essere offerto un aiuto professionale ".

Questo aiuto professionale è disponibile in diversi programmi come il Programma di comportamenti di dipendenza e Doppia patologia del servizio di Psichiatria e Psicologia Clinica HM Hospitales Puerta del Sur. Sono rivolti a pazienti adolescenti con abuso di cannabis e dipendenza e basati su trattamenti ispirati a programmi di successo in altri paesi europei. L'approccio è personalizzato e adattato alle esigenze di ciascun caso e comprende trattamenti farmacologici e psicoterapeutici in diversi formati. Se il giovane rifiuta l'aiuto, viene offerto anche un consiglio ai genitori "perduti".

Marisol Nuevo Espín
consiglio:Sabrina Sánchez Quintero, psicologo clinico del programma di comportamenti di dipendenza e doppia patologia del servizio di psichiatria e psicologia clinica HM Hospitales Puerta del Sur.

Maggiori informazioni nel libro: Ladri di cervello. Ciò che ogni giovane dovrebbe sapere sulle droghe. Autori Tom Scott e Trevor Grice.

Video: Adolescenti, alcool, droga: abuso o dipendenza?


Articoli Interessanti

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

A volte la relazione con gli altri non è molto fluida; inoltre, a volte l'uomo è veramente un lupo per l'uomo, come diceva il filosofo. Eppure, siamo chiamati alla felicità e all'armonia. Cosa...

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

I bambini di 4 e 6 anni che non mangiano bene, chiamati anche "cattivi mangiatori", hanno un livello di assistenza inferiore a quelli che mangiano sano, secondo uno studio realizzato con la...

I pericoli dell'inattività fisica

I pericoli dell'inattività fisica

È noto per tutti i benefici offerti da una vita attiva a un ritmo più rapido sedentario. Il primo di essi garantisce una buona salute mentre il secondo aumenta le probabilità di soffrire di obesità,...