Il principe detronizzato: come influenza l'età

L'arrivo di un fratello è un evento emozionante per tutta la famiglia. È un cambiamento che implica l'adattamento, non solo dei genitori ma anche del fratello maggiore. Sarà il più colpito perché è comune per lui percepire il nuovo membro della famiglia come un intruso, un rivale contro il quale si deve combattere.

L'arrivo di un fratello è uno dei motivi più frequenti di gelosia nei bambini. La reazione emotiva dei bambini più grandi al nuovo membro della famiglia è nota come "complesso di Cain o fratello maggiore", un termine coniato per la prima volta dallo psicologo francese Charles Baudouin. Senza raggiungere la fine della storia biblica, questi Cain protestano perché nessuno ha chiesto loro se accettano di condividere i loro genitori con un'altra persona.


La gelosia è normale e prevede risposte alla perdita percepita di attenzione, affetto e cura. Sono positivi nella misura in cui implicano uno sviluppo sano dell'attaccamento con i caregiver primari, uno strumento necessario per amare ed essere amati in futuro. Inoltre, sono adattivi, ti permettono di difenderti da un cambiamento sconosciuto. Secondo Carl Rogers, padre della terapia centrata sulla persona, "sono solo conseguenze secondarie della frustrazione dei bisogni così vitale come la sicurezza, l'accettazione o l'affetto".

La gelosia del principe detronizzato

Anche se si distinguono come protagonisti dopo la nascita del bambino, possono anche apparire in momenti in cui questo raggiunge importanti pietre miliari del suo sviluppo, che rendono più evidente la sua competenza. Di solito scompaiono all'epoca, quando il bambino dimostra che condividere l'amore dei genitori non significa la fine. Al contrario, l'amore non è diviso, moltiplicato. Tuttavia, possono diventare un problema quando portano il bambino a danneggiare il piccolo o ad estendersi e raggiungere una certa maturità.


È logico che i genitori investano grandi energie prima della nascita di un nuovo bambino. Tuttavia, il fratello maggiore potrebbe non capire questo cambiamento e potrebbe sentirsi "detronizzato". Pertanto, il modo in cui il bambino è preparato per l'arrivo del fratellino, sia durante la gravidanza che dopo il parto, influenzerà il modo in cui accetta e incorpora il gruppo familiare.

Quando e come lo diciamo? Come reagirà? Come possiamo agire per evitare la gelosia? Queste sono alcune delle solite domande dei genitori su questo evento.
Come può reagire il primogenito?

L'esperienza del cambiamento di ruolo può innescare sentimenti di dislocamento o solitudine e paura del rifiuto o dell'abbandono. La sua reazione (paurosa, sospettosa, curiosa, eccitata, indifferente) sarà determinata sia dal suo temperamento, sia dall'atteggiamento dei suoi genitori nel loro processo di adattamento al cambiamento.


Reazioni all'arrivo di un fratellino

I bambini, prima dell'arrivo di un fratellino, possono reagire con:

- Ipersensibilità e irritabilità.
- Diverse manifestazioni di ansia (ad esempio, alterazione del cibo o sonno).
- Ritiro e timidezza.
- Disobbedienza all'autorità (genitori e insegnanti) e atteggiamento oppositivo (specialmente quando si partecipa ad attività che implicano attenzione al bambino).
- Aggressione, con suo fratello come vittima principale della sua ostilità.
- Atteggiamenti regressivi (ad esempio, per tornare a urinare a letto, succhiare il pollice o reclamare la bottiglia o il ciuccio).
- Vari sintomi fisici (ad esempio, l'intestino o il mal di testa).

È essenziale distinguere tra un cattivo comportamento e una risposta difensiva alla paura dell'ignoto. È importante ascoltarlo e comunicargli che, sebbene i suoi sentimenti siano abituali, deve imparare ad esprimerli in modo più appropriato.

La risposta a questo cambiamento di solito passa attraverso tre fasi, variabili in ogni bambino:
- Protesta: conduce a recuperare l'attenzione richiesta.
- Disperazione: ansia in assenza di risposta.
- Adattamento: accettazione della nuova situazione.

Come l'età influenza il principe detronizzato

Il risentimento causato dal nuovo fratello varia a seconda dell'età:

- Se sono veramente piccoli quando il fratello è nato, potrebbe non notare la presenza troppo e adattarsi praticamente senza sforzo a una situazione che non riescono a capire, come tante altre situazioni nel loro ambiente.

- Fino a 3 anni, approssimativamente, il bambino stabilisce una relazione causa-effetto tra il suo arrivo e la perdita di attenzione da parte dei suoi genitori. Da quel momento in poi, inizia a capire quale funzione rappresenta per lui. Tuttavia, durante la fase prescolare, caratterizzata dall'impulso di soddisfazione immediata dei loro desideri, è difficile per lei capire che un bambino richiede più attenzione di lui.

- Da 6 o 7 anni, Nel momento in cui inizia a superare l'egocentrismo, comincia a vederlo come un'altra persona.

Irene Alustiza Quintana

Video: Our Miss Brooks: Easter Egg Dye / Tape Recorder / School Band


Articoli Interessanti

Ricetta per smettere di fumare

Ricetta per smettere di fumare

Smetti di fumare! Sì, è facile da dire e difficile da raggiungere. Ci sono molte ragioni per smettere di fumare: dal costo economico alla salute di se stessi e degli altri, specialmente i figli di...

I giovani sono i più letti in Spagna

I giovani sono i più letti in Spagna

il lettura È una delle attività che ha i maggiori benefici per le persone. Dalla distrazione all'apprendimento di nuove conoscenze e allo sviluppo di capacità cognitive. Che siano su carta o sullo...