Disturbo da deficit di attenzione, quando è opportuno medicarsi secondo l'AEP?

Lo sviluppo dei bambini può essere modificato da numerosi problemi. Uno dei più noti è il disordine da deficit di attenzione, ADHD, che può influire seriamente sulla vita studentesca dei piccoli e in altri punti della loro vita. Una volta rilevato questo problema, è necessario un trattamento per risolvere questa soluzione.

Di solito il trattamento consiste in una terapia psicologica, anche se a volte può essere opportuno ricorrere ai farmaci. Quando è opportuno prescrivere farmaci al più piccolo e quando no? Dall'Associazione spagnola di pediatria, AEP, fornisce diversi consigli ai genitori in modo che sappiano sempre scegliere il più adatto per i loro figli.


Trattamento individualizzato per l'ADHD

Poiché l'AEP indica che il trattamento dei bambini con ADHD deve sempre essere individualizzato e tenendo conto delle circostanze del minore e della famiglia. Anche se questo non si concentra sulla cancellazione del problema per sempre, se si tenta di ridurre i sintomi che si manifestano. I pediatri affermano che sebbene ogni terapia sia pertinente in base ai casi, ci sono situazioni in cui è consigliabile optare per il psicologico cognitivo-comportamentale:

- Quando i sintomi dell'ADHD sono lievi.

- Quando ci sono dubbi sulla frequenza e l'intensità dei sintomi tra i genitori o tra loro e gli insegnanti.

- Quando la diagnosi di ADHD non è chiara.


- Quando i pazienti hanno meno di 5 anni.

Trattamento farmacologico

Da AEP si raccomanda che quando i sintomi dell'ADHD influenzano seriamente la vita quotidiana dei pazienti, iniziare con un trattamento combinato. Insieme alla terapia psicologica cognitivo-comportamentale, includere farmaci tra i bambini che hanno questo tipo di disturbo.

Il trattamento con farmaci nel comportamento iperattivo è noto per essere stato commercializzato in Spagna per più di 25 anni Nel corso della loro storia si sono dimostrati molto efficaci nel contrastare i sintomi dell'ADHD. Tra il 70 e l'80% dei pazienti risponde favorevolmente alla prima terapia in cui questi prodotti sono stati utilizzati.

La sicurezza e l'efficacia, insieme a pochi effetti collaterali, rendono consigliabile un trattamento farmacologico per il trattamento di questi pazienti. I farmaci riducono i sintomi dell'ADHD, migliorando il rendimento scolastico e il comportamento e le relazioni dei bambini sia a casa che a scuola. Allo stesso tempo, migliorare l'effetto di interventi psicologici e psicopedagogici.


Per l'inizio del trattamento farmacologico non è necessario eseguire nessun test medico, basta rivedere la storia del paziente e una scansione per vedere se è rilevante. Attualmente in Spagna ci sono due tipi di farmaci per il trattamento dell'ADHD: stimolanti, metilfenidato e non stimolanti, atomoxetina.

Una volta scelto il farmaco, inizierà con basse dosi e so che aumenteranno ogni 1 o 3 settimane, a seconda della risposta del paziente e dell'aspetto, o meno, degli effetti collaterali. Sarà il pediatra che assumerà la responsabilità della valutazione dell'efficacia e della tollerabilità del farmaco attraverso visite periodiche, molto più frequenti all'inizio della terapia e più distanziate nel tempo, ogni 3-6 mesi, dopo aver regolato la quantità fornita.

Sebbene il trattamento sia individualizzato, le linee guida generali per ciascun farmaco sono:

- Rilascio immediato di metilfenidato, in 2-3 dosi al giorno.

- Rilascio prolungato di metilfenidato, una dose al mattino.

Atomoxetina, si consiglia di somministrare in un'unica dose al mattino. Se ci sono problemi di tolleranza, può essere somministrato di notte o distribuire la dose tra mattina e sera.

il durata del trattamento stesso deve essere considerato singolarmente, a seconda della continuità dei sintomi e delle ripercussioni che questi possono avere sulla vita del bambino o dell'adolescente.

Per i pazienti che assumono stimolanti, una pratica accettata è la realizzazione di brevi periodi, di 1 o 2 settimane all'anno, senza trattamento farmacologico, al fine di valutare il funzionamento del bambino o dell'adolescente, sia a casa che a scuola. Uno dei momenti migliori per fare questa valutazione senza trattamento è di solito all'inizio dell'anno scolastico.

Quali sono gli effetti collaterali?

Gli effetti collaterali di solito compaiono all'inizio del trattamento, sebbene siano rari, di bassa intensità, transitori e bassa gravità In pochissimi casi costringono alla sospensione del trattamento. È importante essere in grado di consultare il medico responsabile della terapia per gli effetti avversi prima di interrompere la somministrazione del farmaco.

- stimolanti (Metilfenidato).Perdita di peso e appetito, soprattutto all'inizio del trattamento; difficoltà ad addormentarsi (conciliazione insonnia); mal di testa e, molto più raramente, tic e irrequietezza.

- Non stimolante (Atomoxetina). Perdita di peso e appetito, soprattutto all'inizio del trattamento; sonnolenza; sintomi gastrointestinali, come dolore addominale, nausea o vomito; vertigini e stanchezza. L'ittero può apparire molto raramente (la pelle diventa gialla a causa dell'aumento della bilirubina), un riflesso del danno epatico che costringe alla soppressione del trattamento.

Damián Montero

Potrebbe interessarti:

- 10 tasti per aiutare l'ADHD

- Come identificare l'ADHD in classe

- Iperattività e deficit di attenzione: ADHD

Video: Onnivoro, Vegetariano, Vegano: quali proteine consumare secondo il tuo Biotipo Oberhammer


Articoli Interessanti

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

A volte la relazione con gli altri non è molto fluida; inoltre, a volte l'uomo è veramente un lupo per l'uomo, come diceva il filosofo. Eppure, siamo chiamati alla felicità e all'armonia. Cosa...

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

I bambini di 4 e 6 anni che non mangiano bene, chiamati anche "cattivi mangiatori", hanno un livello di assistenza inferiore a quelli che mangiano sano, secondo uno studio realizzato con la...

I pericoli dell'inattività fisica

I pericoli dell'inattività fisica

È noto per tutti i benefici offerti da una vita attiva a un ritmo più rapido sedentario. Il primo di essi garantisce una buona salute mentre il secondo aumenta le probabilità di soffrire di obesità,...