Comunicazione con i miei ragazzi, cosa è cambiato?

La famiglia è la prima e più importante scuola in cui impariamo a comunicare. Come famiglia, stabiliamo norme di comunicazione e tutti i membri imparano a soddisfarli sin dalla giovane età per comprendere e buona armonia familiare e per soddisfare i bisogni di tutti i membri. Ma quando i bambini raggiungono l'adolescenza, ci rendiamo conto che qualcosa è cambiato.

Cambiamenti nella comunicazione con i bambini adolescenti

Da qui l'importanza di avere una buona comunicazione con i bambini soprattutto in questa fase "difficile" come l'adolescenza, in cui l'accompagnamento e un buon modello familiare avranno successo nelle relazioni future e nel comportamento di quel bambino che ora è attraverso l'adolescenza sulla via dell'età adulta.


Quando un adolescente propone una proposta che i genitori considerano inappropriata, o che comporta anche un rischio non ammesso, è il momento chiave per essere in grado di impegnarsi in una conversazione con lui in una lingua che comprende e con i modi appropriati per ricevere quel "no" senza sentirsi aggredito.

Le linee guida sono basate sull'idea dell'ascolto attivo. Lascia che te lo dica. Sii comunicativo con il tuo bambino e cerca di capire i sentimenti che stanno generando prima di rispondere a un sonoro no. Spiega perché dici di no e offri altri punti di vista che sono attraenti e servono da modello. In questo modo, all'inizio non ti sentirai rifiutato e ti aiuterà a capire perché non sei d'accordo con ciò che ha proposto.


Sono in una fase di apprendimento e hanno bisogno di sperimentare. Ci sono molte proposte che gli adolescenti fanno e che i genitori non amano o non sembrano appropriati. Dobbiamo evitare il costante "no", quindi è bene riservarlo per quelle proposte che sembrano inammissibili.

Di fronte al momento in cui dobbiamo dare un "no" clamoroso, la comunicazione è ancora una volta la chiave. Consentiteglielo e chiedetegli di darvi un'altra alternativa. Proponilo se non lo vede e sii disposto ad accettarlo a patto che la decisione presa sia meno rischiosa o più tempestiva di quella proposta inizialmente da tuo figlio, anche se non è quello che volevi. Trovare soluzioni consensuali sarà di grande aiuto per l'adolescente in questa fase per sentirsi parte integrante del nucleo familiare e non un "incompreso".

Consigli per parlare con i nostri ragazzi

1. Affrontare le tue emozioni Cosa ti senti? Senza andare direttamente a giudicare le loro idee, o criticarle. Dobbiamo stare attenti a non cancellare i loro sentimenti, ma accompagnarli attraverso il nostro esempio, che sarà la loro migliore guida, per verbalizzare sentimenti e pensieri.


2. Rafforza l'idea che tu capisca lui. Per incoraggiare la loro espressione di sentimenti possiamo anche aiutare noi stessi con espressioni che rafforzano l'idea che stiamo ascoltando e comprendendoli. È semplicemente una questione di discorsi intervallati che mostrano loro il nostro ascolto attivo, come un "vedo". Farà in modo che l'adolescente anticipi la nostra comprensione e l'empatia nei confronti dei suoi sentimenti.

3. Segna i limiti dall'inizio invece di correggerli direttamente per evitare di sollevare costantemente nuovi argomenti. E quando sorge il dibattito, invece della chiara smentita, si può ricorrere alla proposta di alternative. L'adolescenza è nota per il suo egocentrismo, quindi nutrirli con altri punti di vista ne trarrà beneficio.

4. Usa l'ipotesi condizionale. Una buona tecnica è, una volta per correggere direttamente i loro desideri (spesso irreali e immaturi), concedere loro con fantasia ("Sarebbe bello", "come sarebbe se potessi farlo?") Può essere un buon meccanismo di approccio e allo stesso tempo L'adolescente si sente sicuro e fiducioso di esprimere le sue emozioni. Ridurremo la tua ansia e, allo stesso tempo, sarà l'adolescente stesso a verificare i benefici e i danni della sua proposta.

Scopi del cambiamento nella comunicazione con gli adolescenti

- Invece di attaccare il bambino, descrivi come ti senti.
- Invece di accusare, informa.
- Invece di minacciare o dare ordini, offrire opzioni: favorisce l'autonomia e serve come modello, cioè, il padre / madre, attraverso le sue azioni, deve servire da esempio per il proprio corso di pensiero dell'adolescente.
- Invece di "dare le braci" con lunghi sermoni, dillo con una sola parola.
- Invece di ricorrere sempre a rimproveri, usa mezzi sorprendenti, come il senso dell'umorismo, per dire le cose.
- Usa note, lettere, per dire cose. Permettono una maggiore riflessione sull'adolescente, evitano scontri che finiscono per dirigere la discussione nelle forme e non nei media.

Raquel García Zubiaga. Psicologa dell'Istituto di neuroscienze applicate nell'educazione

Video: Designer, chi è e cosa fa - [Orientamento Professionale]


Articoli Interessanti

Ricetta per smettere di fumare

Ricetta per smettere di fumare

Smetti di fumare! Sì, è facile da dire e difficile da raggiungere. Ci sono molte ragioni per smettere di fumare: dal costo economico alla salute di se stessi e degli altri, specialmente i figli di...

I giovani sono i più letti in Spagna

I giovani sono i più letti in Spagna

il lettura È una delle attività che ha i maggiori benefici per le persone. Dalla distrazione all'apprendimento di nuove conoscenze e allo sviluppo di capacità cognitive. Che siano su carta o sullo...