Le scuole, riluttanti ad ammettere casi di bullismo

il bullismo È definito come intimidazione e maltrattamento tra gli scolari ripetutamente e mantenuto nel tempo, quasi sempre lontano dagli occhi degli adulti, con l'intenzione di umiliare e sottoporre una persona indifesa. Contro questi comportamenti, da gravi conseguenze per chi soffre, Esistono diversi protocolli per l'azione, anche se a volteLe scuole sono riluttanti ad ammettere che al loro centro ci sono casi di bullismo.

Questo è ciò che l'Ufficio del Procuratore Generale ha avvertito questa settimana per assicurare che in Spagna ci siano scuole che, anche contando con protocolli contro la violenza scolastica, Sono "riluttanti" a metterli in movimento per non ammettere che ci sono casi di molestie all'interno del centro.


Tra le scoperte sulla violenza nelle scuole nel rapporto 2014 dei pubblici ministeri si sottolinea inoltre che ci sono pochi sviluppi riguardo a questa variante criminale che, in generale, ha meno di 14 anni. Come si suol dire, "di solito" le ipotesi sono di natura "mite" e vengono risolte senza la necessità di raggiungere i tribunali.

Prevenzione del bullismo a scuola

Per il Procuratore generale dello Stato, Consuelo Madrigal, "Il lavoro di individuazione e prevenzione da parte delle scuole continua ad essere fondamentale, soprattutto quando continua ad essere evidente che la maggior parte dei casi viene eseguita da minori che non hanno raggiunto l'età di quattordici anni. "


In questo senso, il rapporto del pubblico ministero afferma che di tutti i casi registrati durante l'ultimo anno 2014, il più grave si è verificato nel 2013: quando un minore di 14 anni si è suicidato dopo aver sofferto, presumibilmente, il bullismo scolastico con i suoi compagni di scuola in Gijon. Come spiegato, il caso è stato provvisoriamente accantonato in quanto non vi erano indicazioni di un reato di induzione del suicidio, ma è stato riaperto nel 2014 e infine due minori sono stati condannati per un crimine contro l'integrità morale.

Video privati ​​sulla rete

D'altro canto, l'Ufficio del pubblico ministero mette in guardia sull'uso che i giovani hanno Smartphone e altre nuove tecnologie che sono così convenienti al giorno d'oggi. Nella sua memoria si sottolinea che ogni volta È più comune che i bambini di età inferiore ai 14 anni utilizzino telefoni cellulari e app come WhatsApp per comportamenti umilianti, minacce o per diffondere foto e video di contenuti sessuali che, cosa ancor più preoccupante, in molte occasioni sono stati "volontariamente facilitati dalla vittima ad un altro bambino del suo ambiente".


Su questo, parla di comportamenti specifici come il "sexting" e altre modalità criminali che vengono svolte attraverso telefoni cellulari e dispositivi tecnologici. Nella Procura dei Delegati Procuratori di ottobre 2014, sono state formulate conclusioni con l'intenzione di unificare le linee guida di azione a questo riguardo, tra cui, ad esempio, la diffusione di informazioni su questo argomento nelle scuole.

Violenza a casa

Anche la relazione del procuratore sulla violenza contro i bambini parla di casi di violenza intrafamiliare guidata da minori contro i loro genitori e fratelli. Secondo i suoi dati, "sfortunatamente" le cifre rimangono stabili, il che significa che non ci sono più casi, ma Non stanno neanche scendendo. Nello specifico, nel 2014 sono state aperte 4.753 procedure per questi motivi, cifre molto simili a quelle del 2013 e del 2012: 4.659 e 4.936, rispettivamente.

Per i pubblici ministeri, questa modalità criminale è a "piaga sociale", e deplorano che "gli sforzi e le misure" che vengono applicati ogni giorno dai tribunali per i minorenni sembrano "insufficienti". Pertanto, credono che sia un problema di cui sono le radici "in una profonda crisi di valori educativi", perché insistono sulla prevenzione e l'educazione come armi per combattere questo tipo di violenza.

Angela R. Bonachera

Video: Mental Efficiency - Mental Exercises and Mental Energy by Arnold Bennett, | Audiobook | Full | Text


Articoli Interessanti

Lo sport da 60 anni

Lo sport da 60 anni

L'attività fisica è molto importante, anche se non hai quindici anni. I programmi di attività fisica possono essere avviati a qualsiasi età e gli anziani possono anche seguirli. Lo sport a partire...

Giochi per stimolare l'attenzione dei bambini

Giochi per stimolare l'attenzione dei bambini

il cura del bambino e del bambino non è volontario o selettivo, ma dipende dall'ambiente più o meno ricco e vario e della quantità di stimoli che si verificano nell'ambiente e dipendono in generale...