Bacio malattia negli adolescenti o mononucleosi

"Cerchi gialli e scuri, non chiedergli cosa ha che lui vuole veramente". Il popolare proverbio è molto saggio, ma a volte questa pigrizia manifestata dagli adolescenti può essere causata da un'infezione virale nota come mononucleosi o "malattia dei baci".

La malattia del bacio o della mononucleosi è causata dalla presenza del virus Epstein-Barr (EBV), che viene trasmesso dalla saliva. Riceve nomi diversi: "scimmia", mononucleosi o "malattia dei baci". Colpisce principalmente adolescenti e giovani, anche se possiamo soffrire in qualsiasi momento della nostra vita. La vera incidenza sulla popolazione è sconosciuta, poiché gli studi dimostrano che molti di noi hanno sofferto a un certo punto della nostra vita. La ragione della sua difficile diagnosi è semplicemente che i suoi sintomi sono spesso confusi con altre malattie comuni.


La malattia del bacio si diffonde anche con la tosse

Il virus di mononucleosi Rimane vivo nella saliva per un bel po 'di tempo, motivo per cui la fase dell'adolescenza, dove c'è un maggiore contatto tra i giovani, è quella con la più alta incidenza. Allo stesso modo, può anche essere trasmesso attraverso la tosse e gli starnuti delle persone infette, quindi in nessun momento siamo esentati dal contrarlo.

Frequentemente, la possibilità di trasmissione della mononucleosi causa preoccupazione sia ai genitori che ai giovani. Infatti, se non ci sono complicazioni, a parte i sintomi fastidiosi, è una malattia dalla quale i pazienti guariscono completamente e non lasciano sequele.


Negli adolescenti dopo l'infezione, il periodo di incubazione del virus Può essere veloce o prendere fino a 30 o 50 giorni nel presentare i sintomi, poiché si tratta di una malattia che si verifica in modo diverso in ogni paziente.

Il principale sintomo di affaticamento della mononucleosi

il estrema stanchezza È uno dei primi sintomi associati alla malattia. Successivamente, altri disagi potrebbero svilupparsi come febbre, mal di gola, infiammazione dei linfonodi del collo e delle ascelle, dolore muscolare, debolezza e perdita di appetito.

Il dott. Vázquez spiega che "è molto caratteristico odore intenso nel respiro che causa la malattia ", a causa del infiammazione della gola spettacolare che il paziente soffre, così a volte è quando si entra nella clinica quando il medico inizia a sospettare la sua esistenza.


Essendo un virus che attacca il sistema immunitario del paziente, provoca infiammazione del fegato e della milza.

È allora che la milza lascia la gabbia toracica e la membrana che la copre viene sollecitata, il che la rende più vulnerabile alla rottura. Per questo motivo, la raccomandazione degli specialisti è il riposo e non praticare sport per almeno un mese.

Per la tua diagnosi, il medico di solito raccomanda una cultura della gola per escludere una possibile infezione e un campione di sangue, che determina l'esistenza del virus nel corpo. La mononucleosi può causare alcune limitazioni fisiche, ma in genere i suoi sintomi migliorano tra due e quattro settimane.

Trattamento della malattia baciante o mononucleosi

Come abbiamo detto prima, poiché è una malattia causata da un virus, non ha un trattamento antibiotico. Solo quando l'infezione è molto importante, la reazione causata dal corpo stesso può richiedere un trattamento a base di antibiotici. Questo sarebbe il caso di a infiammazione della gola estrema, che impedisce al paziente di respirare e, quindi, richiederebbe ai corticosteroidi di fermarlo. Vale a dire, essere un antibiotico virale non aiuta, a meno che il paziente non abbia un'infezione secondaria.

Il dottore può prescrivere ibuprofene o paracetamolo migliorare i sintomi causati dall'infezione (febbre o dolori muscolari), ma mai trattare direttamente la malattia del bacio.

Sebbene il baciarsi sia più associato agli adolescenti e ai giovani, può anche essere colpito da bambini e adulti. Nel secondo caso, i sintomi tendono ad essere più forti, perché il loro sistema immunitario non è forte come quello degli adolescenti, ma ci sono anche casi in cui passa senza notare la malattia.

Domande frequenti su baciare la malattia o la mononucleosi

Quanto tempo devo riposare? All'inizio, devi riposare a letto. Più tardi, quando le forze cominceranno ad apparire di nuovo, dovrai rimanere a casa rilassato per 2 o 3 settimane.

Posso bere liquidi? Avendo sintomi di malattie comuni, come la febbre, dobbiamo agire come faremmo prima, come bere molti liquidi per evitare la disidratazione o fare gargarismi con sale o limone per la gola.

Quali farmaci posso assumere? Nessun antibiotico, a meno che non sia stato prescritto dal medico.Per i sintomi e anche su consiglio dello specialista, paracetamolo, ibuprofene o aspirina possono aiutare (mai nei bambini, in quanto può causare la sindrome di Reye).

A che ora devo andare al pronto soccorso? Quando c'è dolore intenso nella parte superiore sinistra dell'addome, potrebbe essere dovuto alla rottura della milza. Se è così, dovresti intervenire chirurgicamente per rimuovere la milza.

Devo prendere delle misure precauzionali? Una volta infettato, non devi condividere posate, bicchieri o piatti. Indossare una maschera o coprirsi la bocca quando si tossisce o starnutisce. Non baciare la persona malata, anche se è un bambino piccolo e ci dispiace per lui.

Tutti recuperano con la stessa facilità? No. Ogni paziente ha la malattia in un modo specifico. I bambini e i giovani di solito si riprendono più rapidamente. Gli adulti spesso si lamentano del fatto che occorrono anni per "tornare a quello che erano".

Posso bere alcolici? È essenziale non bere alcolici, nemmeno un bicchiere di vino ai pasti, fino a quando non è completamente recuperato. Quando il fegato è colpito, l'alcol ci farà perdere tutta la nostra forza una volta ingerito.

Dolores Cabello Shoes
consiglio: Dott. Luís Alberto Vázquez. Pediatra di cure primarie. Mirasierra Health Center. Madrid.

Video: Mononucleosi infettiva: cause e sintomi


Articoli Interessanti

Adolescenza: madri sullo sfondo

Adolescenza: madri sullo sfondo

Con l'adolescenza, avviene il baratto ruoli tra padre e madre che si stava preparando negli anni precedenti. Ora è papà che deve prendere una posizione più attiva, specialmente con i figli e mamma...

Come prevenire la congiuntivite

Come prevenire la congiuntivite

La congiuntivite è uno dei fenomeni oculari più comuni che colpisce tutta la famiglia, compresi i neonati. Anche se è molto fastidioso, nella maggior parte dei casi non è grave, ma è importante...